A MONACO

"Contenuti criminali non rimossi", Facebook e Zuckerberg indagati

facebook, monaco, Mark Zuckerberg, Sicilia, Mondo
Mark Zuckerberg Fonte Wikipedia

MONACO. Per la prima volta, la magistratura tedesca sta indagando i vertici statunitensi di Facebook, tra cui il fondatore e capo Mark Zuckerberg, per la mancata rimozione di contenuti criminali come minacce e negazioni del genocidio ebraico.

Lo rivela il sito del settimanale Der Spiegel precisando che l'indagine viene condotta dalla Procura di Monaco tra gli altri contro la direttrice operativa della rete sociale americana, Sheryl Sandberg, e il «capo-lobbysta» per l'Europa, Richard Allan.  L'indagine è stata innescata dalla denuncia di un avvocato di Wuerzburg, Chan-jo Jun, che accusa Facebook di aver omesso di rimuovere «istigazioni all'omicidio, minacce di violenza, negazioni dell'olocausto e altri crimini» nonostante fossero stati debitamente segnalati. All'inizio dell'anno una denuncia analoga alla Procura di Amburgo era rimasta senza conseguenze per carente competenza territoriale e indagini contro manager tedeschi erano state archiviate, ricorda il sito.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati