VENEZIA

Il prete abbandona la parrocchia e dalla cassa mancano 200 mila euro

cassa, parrocchia, prete, Sicilia, Cronaca

VENEZIA. Potrebbe esserci un ammanco di almeno 200 mila euro dalle casse parrocchiali dietro l'abbandono del servizio sacerdotale da parte di don Flavio Gobbo, parroco di Spinea (Venezia). Dopo aver lasciato nei giorni scorsi una missiva, letta dal cappellano ai parrocchiani, in cui si limitava a spiegare di volersi prendere un periodo di riposo «a causa di una situazione di affaticamento», ed essere letteralmente sparito, nelle ultime ore, come riportano i quotidiani locali, si starebbe delineando uno scenario economico per spiegare l'accaduto.

Dalla cassa della parrocchia dei Santi Vito e Modesto mancherebbe infatti una somma ingente, uscita un po' alla volta in un anno e mezzo. C'è chi parla di un eccesso di beneficenza e prestiti ai bisognosi e chi arriva a ipotizzare l'ombra delle sale da gioco. Ma non viene tralasciata neppure la pista amorosa.

Si tratta del terzo parroco in un mese in Veneto, dopo don Marco Scarpa di Venezia (che ha scelto coraggiosamente di fare outing dal pulpito, raccontando il risvolto affettivo del suo abbandono) e don Alberto Bernardi del Sacro Cuore di Treviso.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati