nigeria, Sicilia, Mondo
Il presidente della Nigeria, Muhammadu Buhari - Fonte Ansa
L'IMPREVISTO

Nigeria, lite fra presidente e moglie su elezioni. Lui: il suo posto è in cucina

ROMA. Imprevisto fuori programma nel corso della conferenza stampa fra Angela Merkel e il presidente della Nigeria Muhammadu Buhari, in visita ufficiale a Berlino.

Rispondendo a una domanda sulle critiche che la moglie aveva espresso nei suoi confronti in un'intervista alla Bbc, Buhari ha detto: "Non so a quale partito appartenga mia moglie, normalmente appartiene alla mia cucina o al mio salotto". Imbarazzo per Angela Merkel, che gli ha rivolto una breve occhiata prima di lasciarsi scappare un sorriso.

Nell'intervista alla Bbc, Aisha Buhari aveva detto che non sosterrà il marito qualora decidesse di ricandidarsi. La moglie del presidente nigeriano Muhammadu Buhar non lo appoggerà alle prossime elezioni a meno che il marito non annuncerà un rimpasto di governo: è questo l'avvertimento lanciato da Aisha Buhar.

Buhari, a dire della moglie, «non conosce» gran parte degli alti funzionari che lui stesso ha nominato, ha detto la donna, indicando che il governo è stato sequestrato da una manciata di persone che controllano le nomine presidenziali. Eletto l'anno scorso, Buhari ha promesso al Paese di eliminare la corruzione e il nepotismo nel governo, ma la presa di posizione della sua consorte - commenta la Bbc online - denota il livello di malcontento tra la popolazione per la mancanza di leadership del presidente. «Il presidente non conosce, per esempio, 45 su 50 delle persone che ha nominato e neanche io le conosco, nonostante sia sua moglie da 27 anni», ha detto Buhari. I posti migliori, ha sottolineato, vanno a persone che non condividono la visione del partito del presidente - l'All Progressive Congress (Apc) - a causa dell'influenza di «poche persone».

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati