alimentari, cibo, cucina, Sicilia, Società
COLDIRETTI

Nuove tendenze a tavola: selfie ai piatti, più attenzione ai cibi. Spopola l'apericena

CERNOBBIO. Dall'affermarsi del rito dell'apericena, che coinvolge quasi sei italiani su 10 (59%), al ritorno della gavetta in ufficio, (per il 40% degli italiani tra fedelissimi e occasionali): a tavola è vera rivoluzione, accompagnata da un'accresciuta attenzione alla cultura del cibo, diventato fenomeno anche sul web.

Non è un caso che il 25% degli italiani partecipi a community/blog/chat incentrate sul cibo. Inoltre, per il 50% degli italiani il cibo è il vero simbolo del made in Italy e il selfie a tavola è di gran moda, tanto un italiano su tre posta foto dei piatti serviti al ristorante o preparati in cucina.

Tendenze in atto che emergono dall' indagine "Cambiamenti delle abitudini alimentari degli italiani" presentata all'avvio del Forum internazionale dell'Agricoltura e dell'Alimentazione organizzato da Coldiretti a Cernobbio. Nata dal mix tra il rito dell'aperitivo e la cena, la cosiddetta apericena - spiega Coldiretti - si è affermata in pochissimo tempo come un momento di aggregazione, attirando soprattutto i giovani.

A fare da apripista sono stati alcuni contesti del Nord, dove l'aperitivo è un antico rito sociale, ma la nuova formula si è andata diffondendo un po' ovunque. L'aperitivo in chiave moderna è inoltre l'occasione per conciliare il necessario risparmio in tempi di crisi con la proposta di cibi stuzzicanti e di qualità.

L'attenzione al portafoglio, ma anche i prolungati ritmi di lavoro e la voglia di curare personalmente la qualità del cibo, spinge inoltre, secondo l'indagine Coldiretti/Ixè, al ritorno della 'gavetta' o 'schiscetta' sui luoghi di lavoro. Così, l'11% degli italiani porta il pranzo da casa sul luogo di lavoro regolarmente, il 12% lo fa spesso e il 17% almeno qualche volta.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati