REGIONE

Rifiuti, non piace all'Ars la riforma del governo. L' iter si complica, oltre 100 emendamenti

di
ars, regione, rifiuti, Sicilia, In Sicilia così

PALERMO. Una pioggia di emendamenti sulla riforma del sistema di gestione dei rifiuti in cantiere all'Ars. Oltre cento proposte di modifica sono arrivate in commissione, segnale che il Parlamento non vuole approvare in modo secco il testo presentato dal governo in base a un accordo con lo Stato.
Il testo che da oltre un mese è al vaglio della commissione Ambiente è quello presentato dall'assessore renziana Vania Contrafatto. Rientra negli accordi di giugno con lo Stato per ottenere il sostegno necessario a uscire dalla crisi estiva.
Il disegno di legge cancella la riforma del 2009 (quella, mai del tutto applicata, che ha introdotto le Srr) e torna al sistema degli Ato, enti pubblici a cui partecipano i Comuni associati.
Saranno nove e dunque si ridurrà il numero delle società di Comuni autorizzate a gestire il sistema. E sarà vietato un fenomeno oggi diffusissimo: la gestione autonoma di singoli Comuni.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE  

Scopri di più nell’edizione digitale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati