Puntata bollente al GF Vip, Clemente Russo espulso dalla casa

ROMA.  Questa volta Clemente Russo è finito KO. Il pugile di Caserta, un'adolescenza trascorsa a tirare pugni a un sacco a Marcianise prima di diventare un campione, di ispirare Roberto Saviano e il cinema, di gareggiare alle Olimpiadi in forza alle Fiamme Azzurre, è stato espulso dal Grande Fratello Vip.

La decisione inappellabile di Mediaset gli è stata comunicata in diretta questa sera, dalla conduttrice del reality di Canale 5 Ilary Blasi: «Le tue affermazioni all'interno della casa hanno violato le regole e lo spirito del Grande Fratello: le conseguenze sono inevitabili, sei ufficialmente squalificato, devi abbandonare la casa stasera stessa (ieri, ndr)».

Il caso era scoppiato dopo lo scambio di qualche notte fa tra Russo e Stefano Bettarini, convinti di non essere ascoltati ma ripresi dalle telecamere del programma: l'ex calciatore si è lasciato andare a confidenze sulle sue avventure extraconiugali all'epoca in cui era sposato con Simona Ventura, con tanto di commenti di stampo sessista da parte di Russo.

Un episodio già finito nel mirino della Ventura, che ha annunciato il ricorso alle vie legali, e del ministro della Giustizia Andrea Orlando, che ha chiesto al Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria di verificare la compatibilità del comportamento di Russo con lo statuto deontologico del corpo. Hanno preso le distanze dalle esternazioni del pugile anche i sindacati di polizia penitenziaria, mentre sui social esplodeva la protesta, con un coro unanime di condanna, e il Codacons chiedeva la chiusura del programma.  Tra l'altro Russo era già finito al centro delle polemiche per un nomignolo omofobo rivolto a un altro concorrente del reality, Bosco Cobos, con il quale però si era scusato.

'Tatanka' ha provato a minimizzare, parlando di chiacchiere fra amici, scambio 'sportivò di confidenze, prima di accettare il verdetto di squalifica. La puntata si è aperta con la reprimenda di Ilary Blasi e Alfonso Signorini a Bettarini: «Vogliamo prendere le distanze - ha detto la conduttrice - dalle confidenze gravi, offensive alle quali ti sei lasciato andare».

«Non penso di aver detto cose lontane dalla verità», ha provato a giustificarsi l'ex calciatore. «Sentire un uomo fare un elenco di quel tipo è di basso livello, di cattivo gusto, non si fa», ha insistito Ilary. E Signorini: «Ti conosco, sei un 'bischerò», ma «il tempo della guasconate è finito». Dopo varie sollecitazioni, Bettarini ha chiesto «scusa a tutte le persone che sono state nominate».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

Correlati