Cambio della guardia a Striscia, Belen lascia il posto a Chiambretti - Foto

Enlarge Dislarge
1 / 14
Piero Chiambretti e Michelle Hunziker - Fonte Ansa
Piero Chiambretti e Michelle Hunziker - Fonte Ansa

ROMA. Cambio della guardia a "Striscia la Notizia". Per due giorni, questa sera e domani sera, alle 20.40 su Canale 5 arriva Piero Chiambretti che affiancherà Michelle Hunziker al posto di Belen Rodriguez. Dopo arriveranno Luca e Paolo, poi ancora un personaggio di cui Ricci non ha voluto dire il nome con Ezio Iacchetti e da gennaio la conduzione torna fino alla fine dell'edizione n.29 a Ficarra e Picone.

Si è conclusa con ottimi ascolti la prima settimana della 29esima edizione del tg satirico di Antonio Ricci. La vera novità dell'edizione 2016/2017 è stato l'esordio della coppia inedita Michelle Hunziker (che in realtà ha al suo attivo già numerose conduzioni) e Belen Rodriguez. Le due showgirl hanno lavorato insieme solo per una settimana.

«Secondo i giornali dovremmo odiarci...», ha detto la Hunziker. «E allora diciamolo chiaramente: ci stiamo sulle palle..», ha rincarato la Rodriguez. Tutto falso, e via con scambi di complimenti, sorrisi e gentilezze.

«Ci vogliamo bene, è come se ci conoscessimo da 10 anni, abbiamo tante cose in comune, prima fra tutte siamo entrambe extracomunitarie - dicono la svizzera e l'argentina - file per il permesso di soggiorno, documenti per lavorare... ecco noi siamo l'esempio dell'integrazione perfetta».

E vorrebbero si facesse di più per tutti i migranti che arrivano in Italia. «Ci piacerebbe che le autorità aprissero le orecchie e facessero qualcosa per quelle persone», dice Belen.

«Io rivolgo un appello a Maroni - aggiunge Michelle riferendosi al governatore della Lombardia - c'è tanto spazio a Expo, si potrebbe usarlo per ospitare i migranti».  Confermate le due veline per il quarto anno consecutivo, Irene Cioni e Ludovica Frasca, 'Striscia" ha rinnovato la veste grafica affidandola a Sergio Pappalettera. «Mi sono ispirato al punk di cui ricorre il trentennale - spiega.

© Riproduzione riservata