ROMA

Raggi: "Le quote rosa discriminatorie e offensive per le donne"

quote rosa, roma, sindaco, Virginia Raggi, Sicilia, Politica
La sindaca di Roma, Virginia Raggi, al termine dell'incontro con Beppe Grillo e Davide Casaleggio a margine della festa del M5S a Palermo - Fonte Ansa

ROMA. «Le quote rosa nascono per ridurre la discriminazione di genere. Onestamente per me questa legge rappresenta una sorta di recinto in cui si è voluto circoscrivere la presenza femminile, per cui se si rispettano le quote rosa va tutto bene. È una legge che nasce per combattere la discriminazione femminile ma diventa ancora più discriminatoria, offende donne e le confina. La parità di genere va promossa nella società ma non attraverso una quota fissa.»

Così la sindaca Virginia Raggi alla Global WinConference. «La parità di genere è un problema più ampio e articolato», ha aggiunto la sindaca di Roma. Sulle Olimpiadi: «Mi concentro molto sul lavoro, su quello che c'è da fare. Guardo poco la televisione e leggo poco i giornali perchè ho poco tempo, con i miei assessori e consiglieri stiamo andando avanti in maniera molto precisa».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati