Patto per la Sicilia, Falcone: cronaca di un fallimento annunciato - Video

PALERMO. «Abbiamo analizzato il Patto per la Sicilia nei suoi diversi aspetti, evidenziandone le numerose criticità sia sotto il profilo finanziario che procedurale. Questo piano potrà essere ricordato come l'ennesima grande delusione rifilata ai siciliani da parte dei governi Renzi e Crocetta, che dopo avere propagandato un intervento keinesiano a favore dell'Isola, non riusciranno, entro la fine della legislatura, a dare il via ad uno solo del 1100 interventi annunciati».

Lo ha detto Marco Falcone, capogruppo di Forza Italia all'Ars, nel corso della conferenza stampa a Palazzo dei Normanni, alla quale hanno partecipato anche i deputati azzurri Vincenzo Figuccia, Alfio Papale e Riccardo Savona.

«Il Patto per la Sicilia, tanto sbandierato da Roma e da Palermo, non è altro che un accordo al ribasso - ha aggiunto - Vorrei ricordare che con nota del 14 febbraio del 2014 l'allora ministro per la Coesione Territoriale, Carlo Trigilia comunicava all'allora presidente della Conferenza Stato-Regioni, Vasco Errani, che le risorse per la Sicilia erano pari a 8 miliardi di euro, cioè oltre il 25 per cento dei 33 miliardi previsti per il
Mezzogiorno».

«Oggi ci troviamo di fronte ad uno scenario totalmente mutato, con una disponibilità di soli 2,3 miliardi di euro. È d'obbligo altresì considerare che molti interventi previsti nel Patto non sono altro che la riproposizione di opere i cui fondi erano stati già disimpegnati per l'incapacità del governo regionale, - ha osservato - come nel caso dei 50 milioni dell'impiantistica sportiva, o che lo Stato aveva sottratto in precedenza all'Isola, come nel caso degli interventi sulle opere di culto, che venivano prima finanziati in ragione dell'articolo 38 dello Statuto. La cronaca di un altro eclatante fallimento annunciato».

Immagini di Marcella Chirchio

© Riproduzione riservata

Correlati