centro destra, Stefano Parisi, Sicilia, Politica
CORSA ALLE REGIONALI

Centro-destra, Parisi: porterò il mio modello anche in Sicilia

ROMA. «Ci sono tante persone, tanti imprenditori, tanta gente comune che ci sta aiutando e vuole aiutarci non solo in Campania ma anche in Sicilia, Calabria, Puglia. Verrò sicuramente a Napoli, il modello Energie per l' Italia sarà esportato ovunque». Lo afferma - in un' intervista al Mattino - Stefano Parisi, incaricato da Berlusconi di rilanciare il centrodestra.

Non proporrà «ricette»: per ridurre «il gap» tra il Sud e il resto del Paese, «c'è bisogno di politiche di sviluppo complessive e strategiche che valorizzino la spesa pubblica e trasformino in opportunità settori come turismo, ricerca, università», partendo dalla «burocrazia che soffoca le aziende». Spiega che al suo programma «contribuiranno economisti, imprenditori, tanta gente comune. Sarà un programma per il futuro che peraltro si incontrerà con la riflessione di Forza Italia che ha annunciato una propria conferenza programmatica».

E parlando della possibile ricucitura con Alfano e Verdini, rileva che «c'è un popolo deluso da riconquistare e io non sono un Attack che deve rimettere insieme i cocci. Il mio è un progetto più ambizioso ed è quello di contribuire a riportare a casa chi fino al 2008 votava per il centrodestra».

Il suo orizzonte temporale è inizio 2017, perché a suo avviso «è uno scenario verosimile» che si voti in primavera, che vinca il Sì o il No al referendum. Chiarisce poi che in un eventuale governo di scopo «il centrodestra non dovrà assolutamente entrare. Sono contrarissimo e non so perché qualcuno ha pensato che fossi d' accordo».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati