CONTI AGGIORNATI

L'Istat rivede i dati sul Pil, nel 2015 crescita da +0,8 a +0,7%

crescita italia, Istat, pil, Sicilia, Economia

ROMA. Nel 2014 il Pil italiano è cresciuto dello 0,1%, con una revisione al rialzo di 0,4 punti percentuali rispetto alla diminuzione di 0,3 punti percentuali stimata a marzo. Lo rende noto l'Istat in base agli ultimi conti economici nazionali. Nel 2015 il saldo primario italiano (ovvero l'indebitamento netto meno la spesa per interessi) è stato pari all'1,5% del Pil. Nel 2015 la pressione fiscale in rapporto al Pil si è attestata al 43,4%, invariata rispetto al dato del 2014.

L'Istat, correggendo, negli ultimi conti economici nazionali, le stime di aprile scorso pari a 43,5% per il 2015 e a 43,6% per il 2014. Piazza Affari si conferma debole dopo la revisione dell'Istat sulle stime del Pil per il 2016. L'indice Ftse Mib segna un calo dello 0,9% a 16.485 punti. In particolare cedono Mps (-2,81%), Moncler (-2,94%), Banco Popolare (-2,19%) e Bpm (-1,73%), mentre resistono in territorio positivo Ferragamo (+1,09%), Ferrari (+0,49%) e Mediaset (+1,24%). Stabile Unicredit.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati