CINA, samsung, smartphone, Sicilia, Mondo
Fonte GIZMODO
SMARTPHONE

Samsung Galaxy Note 7 prende fuoco, casi anche in Cina

PECHINO. Il caso degli smartphone Galaxy Note 7 di Samsung che prendono fuoco tocca anche la Cina, il maggiore mercato mondiale per gli smartphone. Sui social network sono spuntate due segnalazioni di dispositivi che avrebbero preso fuoco e su almeno una delle due Samsung starebbe già indagando. La compagnia aveva affermato che i dispositivi venduti in Cina non erano interessati dal problema.

Un utente cinese domenica ha segnalato via social network che il Note 7 di un amico aveva preso fuoco nel fine settimana. Il proprietario, contattato dall'Ap, ha affermato di aver acquistato il telefono il primo settembre dal sito di e-commerce JD.com. Un'altra segnalazione simile è arrivata da un diverso account social. Il sito JD ha affermato che c'è un'indagine interna della compagnia sul primo caso. Samsung ha richiamato in Cina 1.858 Note 7 - secondo un avviso del 14 settembre dell'agenzia di qualità prodotto in Cina - specificando che si tratta di telefoni distribuiti prima del primo settembre. Il Galaxy Note 7 è stato ritirato dal mercato il 2 settembre - a poche settimane dal lancio - dopo episodi di esplosione dovuti alla batteria.

Secondo la compagnia fino al primo settembre sono stati 35 i casi segnalati a livello globale, mentre i dispositivi richiamati nel mondo sono 2 milioni e mezzo. Sono intervenuti con divieti anche la Commissione per la sicurezza dei consumatori americana e gli enti di aviazione Usa e Ue, mentre Samsung sta valutando soluzioni alternative per «spegnere» a distanza gli smartphone nel timore che gli utenti disattendano il richiamo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati