esplosione new york, Sicilia, Mondo
LE INDAGINI

Bomba di New York piena di schegge: "Era costruita per poter uccidere"

NEW YORK. La bomba esplosa a Chelsea, nel cuore di Manhattan, è stata realizzata con una pentola a pressione, così come il secondo ordigno rinvenuto pochi isolati dopo. Le due bombe erano piene di schegge e frammenti metallici - rivela il New York Times - e concepite per fare il massimo danno in termini di caos e di vittime.

L'esplosivo utilizzato sarebbe la tannerite (una potente miscela di nitrato e perclorato d'ammonio) e come detonatori sono stati utilizzati vecchi telefonini cellulari a conchiglia e fili elettrici di alcune luci di Natale.

Intanto cinque persone sarebbero state arrestate nel corso delle indagini sull'esplosione. Lo riportano alcuni media tra cui la Abc e la Cbs. I fermi sono stati effettuati dall'Fbi ad un posto di blocco nei pressi del ponte di Verrazano che unisce Brooklyn a Staten Island.

L'auto con i cinque arrestati è stata fermata sulla Belt Parkway, una delle arterie che portano verso il principale scalo aereo di New York, il Jfk. Non è chiaro se la vettura si dirigesse proprio verso l'aeroporto oppure in direzione contraria verso il ponte di Verrazano in direzione Staten Island e New Jersey. Sempre secondo quanto riportano alcuni media sarebbero già in corso degli interrogatori.

Le cinque persone arrestate avrebbero tenuto nascosto delle armi nel suv su cui viaggiavano. Lo affermano fonti investigative ai media locali. Non è chiaro se i fermi siano collegati anche al sospetto ordigno ritrovato nei pressi dei binari della stazione di Elizabeth, in New Jersey. I cinque provenivano proprio dal New Jersey e da Staten Island e, dopo aver attraversato il ponte da Verrazano, viaggiavano in direzione dell'aeroporto Jfk.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati