Fedez vola in Libano: in missione con Unicef tra i campi profughi siriani

Enlarge Dislarge
1 / 8
Fedez - Foto Ansa
Fedez - Foto Ansa

ROMA. Fedez vola in missione in Libano con Unicef Italia, in mezzo ai bambini siriani in fuga dalla guerra. E, prima della partenza, posta la sua foto dall'aeroporto.  La missione vedrà il rapper impegnato al fianco dei progetti che porta avanti Unicef in Libano, Paese che ha accolto oltre un milione di rifugiati dall'inizio della guerra in Siria che ha provocato una delle piu' gravi crisi umanitarie della storia.

Il rapper sara' anche uno dei protagonisti di Prodigi, uno spettacolo dedicato interamente ad Unicef e a 12 piccoli talenti, in onda in prima serata il 19 novembre su Rai1.

"Sono in partenza per il Libano - scrive sul suo profilo Facebook  -. Ho chiesto ad UNICEF di portarmi in alcuni campi rifugiati a Beirut per portare avanti un progetto insieme ai bambini che avevo in mente da un po’ di tempo.Quello che sto per fare è un viaggio molto importante, forse il più importante della mia vita. La prospettiva di entrare a contatto con un mondo così lontano dal mio e l'idea di potermi rendere utile con ragazzi che hanno camere con vista sulla guerra mi rende orgoglioso. Ma mentirei se negassi, a voi e a me stesso, che chi ha molto da guadagnare da questa esperienza sono soprattutto io. Da qualche anno a questa parte vivo in una sorta di bolla virtuale, una realtà aumentata in cui i sentimenti sono ovattati e le emozioni sembrano di plastica. Per me, che vengo dal basso e so che cosa significhi sputare il sangue per cercare di cambiare vita, perdere il contatto con la realtà è a tratti alienante e inaccettabile. Forse anche per questo ho deciso di vivere un'esperienza che mi faccia immergere in un contesto forte ma, al tempo stesso, drammaticamente vero: per tornare a sporcarmi le mani e la coscienza con la realtà, per ricordare a me stesso che esiste un mondo reale anche al di là delle colonne d'Ercole della nostra percezione e dei nostri privilegi".

© Riproduzione riservata

PERSONE: