Martedì, 21 Novembre 2017
IL CASO

Tagli negli ospedali in Sicilia, l’Udc minaccia l’uscita dalla giunta

di
tagli ospedali sicilia, udc, udc sicilia, Baldo Gucciardi, Gianpiero D'Alia, Rosario Crocetta, Sicilia, Politica
Gianpiero D’Alia

PALERMO. E ora l’Udc minaccia l’uscita dal governo. La crisi nella maggioranza aperta dal piano dei tagli negli ospedali si aggrava ogni giorno. I centristi già ieri avevano scaricato l’assessore Baldo Gucciardi parlando di «piano carbonaro» e invocando «un cambio di registro». Oggi vanno oltre: «Se questa è la politica sanitaria del governo dovremo riflettere se continuare a sostenerlo».

La riflessione è del leader Gianpiero D’Alia. Al quale non sono piaciute le parole dell’assessore (una intervista è apparsa oggi sul Giornale di Sicilia): «Le dichiarazioni dell’assessore Gucciardi rilasciate alla stampa sono sorprendenti e gravi» ha detto D’Alia, che è anche presidente della commissione bicamerale per le questioni regionali.

«È assurdo – ha spiegato D’Alia - chiedere al governo nazionale di autorizzare le assunzioni sulla base di una bozza di piano di tagli che nessuno conosce e che non ha alcun valore politico e giuridico e senza che vi sia alcuna valutazione del sistema privato della sanità che ne ha un oggettivo quanto incomprensibile vantaggio a danno della sanità pubblica».

L’Udc ha chiesto ufficialmente di rinviare le assunzioni a dopo le elezioni amministrative e regionali che si svolgeranno fra aprile e ottobre. Mentre è noto che Pd e Ncd stanno provando, come confermato anche dall’assessore, a sbloccare almeno una parte delle 5 mila assunzioni annunciate e mai partite.

A D'Alia replica l'assessore Gucciardi, il quale ha assicurato che nessun ospedale verrà chiuso. (LEGGI QUI)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X