Francesco Facchinetti al timone di Miss Italia: "Per me, è come guidare una Ferrari" - Foto

JESOLO. «Da una parte sono agitato, dall'altra felicissimo. Amo tanto il mio lavoro e per questo non vedo l'ora di accendere il motore e guidare questa Ferrari»: lo racconta Francesco Facchinetti, in una pausa delle prove, mentre si prepara per il debutto a Miss Italia, sabato in prima serata su La7, in diretta dal Pala Arrex di Jesolo.

Con i suoi 36 anni, costellati da tante e diverse esperienze professionali, dalla musica alla tv, dal cinema, alla radio al web, Facchinetti è già entrato nella storia del concorso come il conduttore più giovane. Sente il peso dei suoi predecessori, tra i quali cita Corrado, Mike Bongiorno, Pippo Baudo, Milly Carlucci, Fabrizio Frizzi, Carlo Conti e Simona Ventura.

Da X Factor all'Isola dei Famosi, sono molte le esperienze che lo accomunano alla stessa Ventura, che ha condotto anche le ultime due edizioni di Miss Italia su la7.

L'ha sentita per farsi dare qualche consiglio, ma alla fine Facchinetti porterà uno stile tutto suo, moderno e super social, e si proporrà come «un fratello maggiore» delle ragazze. «Sono giovane, ma non tanto. Ho tre figli. Sento di essere protettivo con queste ragazze e - promette - non le prenderò troppo in giro nel caso di uno scivolone o una gaffe».

È autoironico e della sua dislessia ha fatto un punto di forza, visto che è un po' «allergico» a gobbi e scalette. Andrà a braccio. In canotta, con i suoi tanti tatuaggi in evidenza, Francesco assicura:

«Non mi vestirò così. Indosserò uno smoking nero e un papillon» nella elegante serata che incoronerà la più bella tra le 40 finaliste.

La parola d'ordine è unicità. Anche alle web star lanciate dalla sua agenzia, Facchinetti consiglia di essere se stesse senza cercare il consenso unanime ad ogni costo.

«Il canone di bellezza non è uno solo. Ogni ragazza - spiega - deve avere le sue caratteristiche e le racconterà in un video di pochi secondi e in una frase da 160 caratteri.
Ci sono anche tre miss curvy, molto belle e in grande armonia con se stesse».

E aggiunge:

«C'è sempre una certa diffidenza verso la bellezza in Italia, un Paese che non crede nelle sue meraviglie che ci riconoscono in tutto il mondo. Queste ragazze sono anche in gamba e Patrizia Mirigliani sa valorizzarle al meglio. È passato il tempo delle modelle usate come stampelle. Le top model oggi valgono molto di più degli abiti che indossano».

Tra le novità della trasmissione, che promette sintesi e grande ritmo, Facchinetti cita la delusion room, che accoglierà le ragazze escluse durante la serata, e le interviste con Gianluigi Paragone. Ci sarà anche un momento in cui saranno chiamate in scena le mamme delle miss, pronte a sponsorizzare le loro figlie.

L'obiettivo è «portare davanti alla tv anche un pubblico più giovane, tra i 15 e i 24 anni», che potrà seguire Miss Italia live sui canali social nel corso di tutta la serata, anche mentre in tv c'è la pubblicità.

A chi considera Miss Italia un concorso datato o superato, Facchinetti risponde:

«Fate bene a dirlo! È la vostra valvola di sfogo come quando dite che l'Italia gioca male, anche se vince, o che il Festival di Sanremo fa schifo anche se lo seguite. Guardate Miss Italia, per commentarla e anche per criticarla, ma soprattutto perchè sarà un bellissimo show televisivo».

In giuria sono attesi Raoul Bova, Vincenzo Salemme, Mara Venier, Gregorio Paltrinieri e Anselma Dall'Olio.

«Tutti grandi personaggi - commenta Facchinetti - tra cui spicca una femminista convinta come Selma. Sarà interessante ascoltare che cosa ci fa qui». E infine la musica, con gli idoli delle ventenni, Lorenzo Fragola e Alessio Bernabei, entrambi in gara all'ultimo Festival di Sanremo. Ci sarà anche un ospite internazionale, Bruno Mars, ma solo nella impeccabile versione di Francesco Cicchella, vincitore dell'ultima edizione di Tale e quale show.

© Riproduzione riservata