Sicilia, Sport
GLI AZZURRI

Ventura chiude col passato: "Basta paragoni con gli europei"

HAIFA. Da Israele Giampiero Ventura lancia la 'suà Italia: «Sono stato io a fare paragoni con l'Italia degli Europei, ma da ora voglio chiarire una cosa: basta con quelli del passato». E per chiarire come la pensa, anche con un tratto al di fuori della sua abituale tranquillità, usa la conferenza stampa con i giornalisti. Lo spunto glielo offre una domanda sulla velocità di gioco vista con la Francia paragonata a quella di Conte. «La velocità - spiega con decisione - è frutto del lavoro, e noi abbiamo avuto tre giorni...». Ventura - che non ha annunciato la formazione degli azzurri in «attesa di sapere chi farà parte della squadra avversaria» - glissa anche sulla statistica favorevole che non vede l'Italia perdere i match iniziali delle qualificazioni da 50 partite. «Se la statistica fosse una garanzia - risponde sorridendo - sarebbe bello ma preferisco credere nei giocatori e nella loro voglia di migliorare».

Poi ritorna sulla partita di Bari: «mi aspetto un passo avanti rispetto a quello che è stato fatto in soli 3 giorni». Perchè domani - aggiunge - «è una di quelle partite in cui non conta la bellezza, quanto il risultato e mi auguro sia positivo». Mister Ventura si dice « non preoccupato» e anche Gianluigi Buffon al suo fianco si mostra disteso: «nelle amichevoli la tradizione degli azzurri - spiega - non è delle migliori. Ma nelle partite che contano, come domani, dobbiamo trovare gli ingredienti giusti». Ventura dice anche di non conoscere bene Israele: «l'allenatore è nuovo ed ha fatto per ora una sola partita».

Dice però di «conoscere alcuni dei giocatori della nazionale. Hanno qualità. Ma quello che conta è la squadra. E noi come squadra siamo abituati a fare cose difficili». Buffon non si tira indietro davanti ad una domanda se, da capitano di lungo corso, Ventura sia l'allenatore migliore che abbia avuto. «Sicuramente è tra i migliori, ma posso aggiungere che è arrivato al momento giusto e l'impronta che ha dato alle sue squadre è sotto gli occhi di tutti». E se Buffon in chiusura torna a definire «un gesto tra i più vili quello di fischiare un inno di una squadra avversaria come è accaduto a Bari», mister Ventura in apertura sceglie di ricordare la scomparsa di Nenè, avvenuta, dice, negli stessi giorni dell'anniversario della morte di Giacinto Facchetti e Gaetano Scirea. «È - confessa - una giornata triste». Domani sera ci sarà Israele: comincia l'avventura italiana ai Mondiali.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati