Mercoledì, 25 Aprile 2018
EMERGENZA IN SICILIA

Rifiuti, Crocetta: interventi nei Comuni indietro con la raccolta

emergenza rifiuti sicilia, Rosario Crocetta, Sicilia, Cronaca
Crocetta in visita a Bellolampo

PALERMO. Riapre la discarica di Siculiana e la Rap farà gli straordinari per recuperare la situazione particolarmente grave in alcuni Comuni del Palermitano. Il presidente della Regione, Rosario Crocetta, per questo pomeriggio ha convocato una conferenza di servizi per autorizzare questi due interventi e cercare di far uscire la Sicilia dai cumuli di rifiuti che sommergono le strade.

“Nessuno soffi sull’emergenza che si sta risolvendo - dice il governatore -. Siamo intervenuti anche oggi su alcuni  comuni che avevano degli arretrati, in particolare Partinico, Carini, Milazzo e  altri, oggi si sta provvedendo alla pulizia della zona adiacente l’autostrada in direzione dell’aeroporto di Palermo".

Crocetta, in particolare, interviene sulle polemiche che si sono scatenate in questi ultimi giorni: "E’ inutile continuare a ripetere che i rifiuti assegnati ai singoli comuni potrebbero essere inferiori alle capacità giornaliere, poiché nell’ordinanza che ho fatto nei giorni scorsi, è previsto che le discariche siano autorizzate ad accettare i quantitativi in relazione alla capacità di conferimento dei comuni".

La situazione, nel programma del governo regionale, dovrebbe tornare alla normalità già nei prossimi giorni: "Sicula trasporti e Oikos, dopo lo spostamento dei comuni del Palermitano su Bellolampo, sono nelle condizioni di trattare tutti i rifiuti della Sicilia orientale, senza alcun problema. Per quanto riguarda Giardini Naxos, questa mattina ho sentito il sindaco che sostiene di aver accumulato 40 tonnellate di rifiuti. Li potranno conferire in giornata".

Dal presidente della Regione arriva un messaggio diretto ai sindaci siciliani: "Li invito a contattarmi direttamente, o a contattare il direttore del Dipartimento, l’assessore, per risolvere ogni problematica. E’ evidente che le  disfunzioni della settimana scorsa, possono avere creato situazioni locali anomale, ma queste vanno risolte con la collaborazione e certamente non facendo proclami che danneggiano il turismo siciliano”.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X