IL CASO

Nuovi atti a Roma, verifica sui concorsi bloccati della sanità pubblica in Sicilia

di
concorsi sanità, Baldo Gucciardi, Sicilia, In Sicilia così
L'assessore regionale alla Sanità, Baldo Gucciardi

PALERMO. Via libera alle stabilizzazioni degli ex Lsu ma i concorsi nella sanità pubblica regionale restano bloccati. L'assessore alla Sanità, Baldo Gucciardi, ha compiuto un passetto in avanti nel piano per la copertura di 5 mila posti fra selezioni, mobilità e trasformazione di contratti a termine ma ora spera nell'approvazione a Roma di un fitto carteggio: «Attendiamo che il tavolo ministeriale di verifica ci dica che tutto è a posto e che possiamo sbloccare i concorsi».

Ieri Gucciardi ha spedito a Roma i piani aggiornati. In particolare ha inviato una prima bozza di revisione della rete ospedaliera alla luce del decreto Balduzzi: «Non chiuderemo alcun ospedale - assicura - ma accorperemo reparti e potenzieremo settori come quello delle cure riabilitative che sono carenti».

La bozza è solo un primo passo perchè l'adeguamento agli standard nazionali dovrà avvenire a fine 2017. Ma impedisce già così di dar vita a nuovi reparti e primariati.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE  

Scopri di più nell’edizione digitale

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati