artigiani, falegnami, LAVORO, Unioncamere, Ivan Lo Bello, Sicilia, Economia
UNIONCAMERE

Più giardinieri e imprese di pulizia, meno muratori e falegnami: così la crisi cambia l'artigianato

ROMA. Più giardinieri e imprese di pulizia, meno muratori e falegnami: negli ultimi sei anni la crisi ha cambiato il volto dell'artigianato italiano. E' quanto emerge dalla fotografia sulle imprese artigiane scattata da Unioncamere e InfoCamere sulla base delle iscrizioni al Registro delle imprese, secondo cui tra il 2009 e il 2015 l'esercito delle imprenditoria artigiana ha perso tra le sue fila oltre 117mila unità (-8%).

A perdere terreno sono stati soprattutto i mestieri legati all'edilizia che, più di altri settori, ha pesantemente subito gli effetti della recessione. Sono così mancati all'appello più di 35.800 muratori, 6.100 carpentieri, 3.500 idraulici, 3.450 falegnami, 2.600 imbianchini, 2.000 serramentisti.

Sul fronte opposto a registrare un vero e proprio boom sono le imprese di pulizia di edifici (+10.898) e le attività di cura e manutenzione del paesaggio (+ 4.904), ma anche takeaway e parrucchieri.

Le nuove abitudini di consumo infatti - segnala ancora l'analisi di Unioncamere e InfoCamere - stanno facendo volare anche le iniziative imprenditoriali legate ai servizi alla persona, quasi triplicate negli ultimi sei anni, al design (+2.110), al benessere e alla bellezza (+1.140 parrucchieri e estetica) fino all'alimentare con l'esplosione dei takeaway (+3.240).

Secondo il presidente di Unioncamere, Ivan Lo Bello "i dati dimostrano che gli artigiani hanno messo in campo nuovi modelli di sviluppo per reagire alla crisi. Ma ora è necessario preservare quelle tradizioni e quelle competenze che sono l'espressione più elevata del nostro saper fare e che rendono i nostri prodotti unici e riconoscibili al mondo".

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati