Sicilia, La bella Sicilia, Viaggi & Crociere
L'isola di Santa Maria Salina (Me)
"GUIDA BLU"

Il mare più bello: Sardegna al top, Sicilia in classifica con San Vito Lo Capo e Salina

ROMA. Regina dell'estate 2016 è Domus de Maria, vicino Cagliari. Completano il podio, Pollica (Sa), e Castiglione della Pescaia (Gr). La Sicilia occupa i posti alti della classifica (dalla quarta posizione) con Salina e San Vito Lo Capo.

Mentre tra le Regioni la superstar è la Sardegna, con cinque località tra le migliori. È la classifica del mare più bello della nuova 'Guida Blu' di Legambiente e Touring club italiano, che premia con le cinque vele 19 località marine e 7 sui laghi (in testa c'è Molveno, a Trento), il meglio del nostro Paese sia per pregio naturalistico sia per gestione del territorio, servizi, centri storici e enogastronomia.

Anche per quest'anno il Tirreno si conferma il mare più ricco di vele, con la maggior parte delle località premiate con le 5 vele.

Dal quarto posto, la classifica prosegue con Posada (Nu), Santa Marina Salina (Me), San Vito Lo Capo (Tp), Vernazza (Sp), Maratea (Pz), Capalbio (Gr), Otranto (Le), Polignano a Mare (Ba), Bosa (Or), Melendugno (Le), Camerota (Sa), Baunei (Og); sono 'new entry' della classifica del mare più bello Castro (Le) e Santa Teresa di Gallura (Ot); e poi Roccella Jonica (Rc).

In cima alla classifica di Legambiente e Touring Club italiano delle località delle isole minori troviamo Santa Marina Salina (Me), la più virtuosa amministrazione delle Eolie, seguita dall'Isola del Giglio (Gr), tornata in classifica dopo aver superato la vicenda del naufragio della Concordia, entrambe premiate con 5 vele.

Dopo la Sardegna, tra le Regioni al top, ci sono Puglia e Campania.

Domus de Maria, a Cagliari, in Sardegna, svetta tra le località marine, «grazie soprattutto all'impegno per la tutela e la valorizzazione del paesaggio naturale e alla cura dedicata all'educazione ambientale e ai beni archeologici»; subito dopo troviamo Pollica, «perla del Cilento e capitale mondiale della dieta mediterranea»; e Castiglione della Pescaia, «per la coerenza nel turismo ambientale e nella mobilità sostenibile».

Accanto alle classifiche delle località costiere, Legambiente ha accorpato le località in comprensori turistici in base ad aree geografiche con un'offerta omogenea; anche in questo caso, la Sardegna primeggia con la costa nord-occidentale con il parco dell'Asinara. I posti che hanno ricevuto 4 vele rappresentano comunque luoghi di grande eccellenza: cosa che accomuna varie Regioni tra cui spiccano Toscana, Puglia, Sicilia, e le migliori località del medio e alto Adriatico.

«Questa guida - dichiara la presidente di Legambiente, Rossella Muroni - raccoglie 35 tra le più belle zone balneari del nostro Paese, ammirate in tutto il mondo: dalle Cinque Terre alla Penisola sorrentina, dalla Costa cilentana alla Maremma e al Salento. Oltre alla qualità delle acque di balneazione e del paesaggio naturale, questi luoghi possono vantare un'offerta turistica 'verde', con un'ospitalità curata e sempre più mirata alla qualità».

Per Franco Iseppi, presidente del Touring club, «quello che rende una località meritevole di essere segnalata in questa guida è la pulizia del mare e delle aree balneabili ma anche la qualità ambientale e dei servizi ricettivi, le politiche di sostenibilità».

Anche quest'anno Legambiente lancia poi 'La più bella sei tu', e cioè l'invito a scegliere e segnalare entro il 30 giugno attraverso il sito internet e sui social network (#laspiaggiapiùbella), la spiaggia più bella d'Italia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati