marte, terra, Sicilia, Cronache tra le Stelle, Vita
DOPO 11 ANNI

Marte visibile ad occhio nudo, poco prima di mezzanotte il pianeta sarà vicinissimo alla Terra

MILANO. Lunedì sera basterà alzare lo sguardo al cielo per sentirci un po' tutti 'marziani'. Poco prima dello scoccare della mezzanotte, infatti, Marte sarà vicinissimo alla Terra come non accadeva da ben 11 anni: nel momento di minima distanza, i due pianeti saranno separati da 'appena' 75,3 milioni di chilometri.

Sarà un'occasione ghiotta per ammirare il disco del Pianeta Rosso e osservare i dettagli che ne disegnano la superficie: un primo assaggio dello spettacolo che ci attende ce lo offre l'Agenzia spaziale europea (Esa), che pubblica un bellissimo 'trittico' di Marte ottenuto combinando le immagini appena catturate dalla sonda europea Mars Express, dal telescopio spaziale Hubble di Nasa ed Esa, e da un astrofotografo amatoriale australiano.

Due di questi 'ritratti' a colori sono stati fatti proprio lo scorso 22 maggio, quando Marte si è messo in bella mostra raggiungendo l'opposizione rispetto al Sole. In queste ore, il Pianeta Rosso sta proseguendo la sua marcia di avvicinamento alla Terra, che 'saluterà' lunedì sera raggiungendo la minima distanza intorno alle 23:34 (ora italiana).

''Marte sarà ben visibile tutta la notte'', spiega l'astrofisico Gianluca Masi, che col suo Virtual Telescope seguirà l'incontro ravvicinato con una diretta trasmessa online anche sul canale Scienza & Tecnica dell'Ansa a partire dalle ore 24:00 di lunedì.

''Il momento più favorevole per l'osservazione si avrà intorno all'una di notte'', sottolinea Masi. ''Basterà guardare verso sud, a circa 30 gradi di altezza sull'orizzonte: Marte sarà visibile come un astro puntiforme dal colore rosso vivido tra le stelle della Bilancia. Non molto lontano ci sarà Antares, la stella della costellazione dello Scorpione che deve il suo nome (anti-Ares, cioè anti-Marte) al fatto che compete con Marte per il suo colore rosso, e più a est invece sarà visibile Saturno''.

Marte sarà riconoscibile ad occhio nudo: apparirà come un piccolo disco rosso, pari a un centesimo del diametro del disco lunare. Chi invece volesse ammirarlo meglio, scrutando i dettagli della sua superficie, dovrà usare un telescopio con un diametro di almeno 100 millimetri. ''Siccome Marte alle nostre latitudini apparirà un po' basso sull'orizzonte - spiega Masi - la sua visibilità sarà disturbata dallo spesso strato di atmosfera, lo stesso che al tramonto attenua la luce del Sole mostrandocelo più rosso. Se l'interferenza sarà contenuta - precisa l'astrofisico - potremo vedere i ghiacci che ricoprono il Polo Nord marziano e i chiaroscuri del suolo''.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati