Marò, quattro anni fra speranze e rinvii: il ritorno di Girone in Italia - Foto

ROMA. Sono passati più di quattro anni dall'inizio della complessa vicenda che vede coinvolti i due marò, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. Ecco una breve cronologia degli eventi:

  • 2012
    15 FEB - I marò in servizio antipirateria sulla Enrica Lexie sparano, secondo l'accusa, contro il peschereccio St.Antony scambiandolo per una barca di pirati e uccidono due pescatori. Gli italiani sostengono di aver sparato solo colpi di avvertimento.
    19 FEB - I due militari vengono fatti scendere dalla nave a Kochi e fermati. Per l'Italia la vicenda coinvolge "organi di Stato operanti in contrasto antipirateria sotto bandiera italiana, in acque internazionali".
    5-6 MAR - Il giudice manda i due in carcere a Trivandrum.
    30 MAG - L'Alta Corte del Kerala concede libertà su cauzione.
    20 DIC - Concessa una licenza di due settimane per Natale.
  • 2013
    4 GEN - I due marò tornano in India.
    18 GEN - Il caso viene trasferito a New Delhi.
    22 FEB - Ai due militari viene concesso un nuovo permesso in Italia per quattro settimane per poter votare.
    11 MAR - L'Italia annuncia che non rientreranno in India perché New Delhi ha violato il diritto internazionale. Il premier indiano minaccia "seri provvedimenti".
    22 MAR - I due militari ripartono per l'India come previsto e tornano presso l'ambasciata d'Italia a New Delhi.
    26 MAR - Il ministro degli Esteri Giulio Terzi si dimette contro la decisione di rinviarli in India.
    30 MAR - Le nuove indagini vengono affidate alla polizia antiterrorismo Nia. L'Italia protesta. Il premier indiano garantisce che "il caso non comporta la pena capitale".
    3 MAG - Il premier Enrico Letta nomina Staffan De Mistura inviato speciale.
    11 NOV - Quattro altri Fucilieri della Enrica Lexie sono interrogati in videoconferenza nell'ambasciata indiana a Roma.
  • 2014
    26 MAR - De Mistura dichiara: "L'Italia punta all'internazionalizzazione del caso".
    28 MAR - La Corte Suprema stabilisce che "non sara' applicata la legge antiterrorismo Sua Act" che prevede la pena capitale.
    2 GIU - In collegamento con il Parlamento, Girone esclama: "Abbiamo obbedito ad un ordine e mantenuto la parola. Dopo due anni ancora qui!".
    31 AGOSTO - Latorre perde conoscenza in casa per un'ischemia. Viene ricoverato in ospedale a New Delhi.
    12 SET - Sì all'istanza di rientro di Latorre in Italia per motivi di salute per quattro mesi. Il giorno dopo il marò arriva in Puglia.
    16 NOV - La Corte Suprema respinge le richieste di Latorre (proroga della permanenza in Italia) e Girone (licenza).
    17 NOV - L'ambasciatore italiano a New Delhi, Daniele Mancini, viene chiamato a Roma per consultazioni.
  • 2015
    5 GEN -
    Latorre viene operato al cuore a San Donato.
    14 GEN - Ok della Corte Suprema a una nuova richiesta di Latorre di rimanere altri tre mesi in Italia.
    15 GEN - Il parlamento europeo approva una risoluzione pro-marò che l'India giudica "inopportuna".
    9 APR - La Corte Suprema indiana concede a Latorre di prolungare la degenza in Italia di altri tre mesi.
    26 GIU - L'Italia avvia la procedura arbitrale che si istituirà presso la Corte permanente di arbitrato (Cpa) dell'Aja.
    13 LUG - La procura indiana acconsente a estendere di 6 mesi il permesso in Italia di Latorre.
    21 LUG - L'Italia fa ricorso al Tribunale internazionale del diritto del mare (Itlos) di Amburgo, chiedendo che fino alla sentenza arbitrale Latorre resti in Italia e Girone rientri.
    24 AGO - Il Tribunale di Amburgo decide che, in attesa della conclusione dell'arbitrato, "Italia e India devono sospendere ogni iniziativa giudiziaria e non intraprenderne di nuove". Viene quindi tolta la giurisdizione all'India, ma non vengono accolte le richieste italiane sui due marò.
    11 DIC - L'Italia reitera la richiesta per il rientro di Girone al Tribunale arbitrale dell'Aja.
  • 2016
    26 APR -
    La Corte Suprema indiana prolunga ancora il permesso per Latorre fino al 20 settembre.
    29 APR - Il Tribunale dell'Aja decide per il rimpatrio di Girone in Italia per la durata dell'arbitrato internazionale. La decisione viene pubblicata il 3 maggio.
    26 MAG - La Corte Suprema indiana accetta la decisione del Tribunale arbitrale e dispone il rientro immediato di Girone prevedendo alcune garanzie.
    27 MAG - Girone lascia l'India a bordo di un volo Etihad a destinazione di Abu Dhabi.
    28 MAG - Girone giunge a Ciampino, dove viene accolto dai ministri degli esteri Paolo Gentiloni e della difesa Roberta Pinotti, e poi parte per Bari, dove lo aspetta il sindaco della città Michele Emiliano.

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE: