LAVORO IN SICILIA

Errori e ritardi, i fondi non bastano: da mesi in attesa 8mila cassintegrati

di
cassa integrazione, LAVORO, Sicilia, In Sicilia così

PALERMO. Oltre ottomila lavoratori di aziende in crisi attendono il pagamento di mobilità e cassa integrazione. In alcuni casi l’attesa va avanti dalla seconda metà del 2014. E quest’anno la situazione potrebbe anche peggiorare visto che lo Stato ha annunciato di avere stanziato per la Sicilia appena 9 milioni per gli ammortizzatori sociali.

Cgil, Cisl e Uil aprono oggi da Palermo un nuovo fronte di lotta: in corso un sit in sotto la Prefettura per rivendicare i pagamenti arretrati e maggiori fondi per quest’anno. L’obiettivo è salvare gli ammortizzatori sociali in deroga, quelli destinati a chi non avrebbe normalmente diritto a cassa integrazione e mobilità: piccole aziende o imprese di settori come commercio e servizi.

L’emergenza è nata perchè si sono sommati vecchi errori e ritardi.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE  

Scopri di più nell’edizione digitale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati