REGIONE

Gestione rifiuti in Sicilia, Contrafatto:
un commissario per agire rapidamente

di

L’assessore mette sul tappeto i nodi irrisolti, che potrebbero portare a una nuova, devastante, emergenza rifiuti già durante l’estate

rifiuti in sicilia, Vania Contrafatto, Sicilia, In Sicilia così

PALERMO. «Nella situazione in cui siamo servono poteri speciali. È necessario che un commissario possa agire superando lungaggini burocratiche e derogando a paletti normativi a volte incomprensibili»: l’assessore Vania Contrafatto mette sul tappeto i nodi irrisolti, che potrebbero portare a una nuova, devastante, emergenza rifiuti già durante l’estate.

Ma avverte che si opporrà a una delle soluzioni che da più parti, anche in giunta, vengono invocate: «Sono contraria all’invio dei rifiuti fuori dalla Sicilia. Oltre a essere una scelta antieconomica, rischia di essere un vantaggio per qualcuno interessato a fare business in questo modo».

Magistrato in aspettativa, chiamata in giunta a mettere ordine nella giungla dei rifiuti, la Contrafatto analizza la situazione: «La Regione aveva previsto di realizzare tre impianti di smaltimento pubblici a Gela, Enna e Messina. Per quest’ultimo era tutto pronto. Era stata fatta la gara, e la ditta stava per iniziare a lavorare. Poi però i Beni culturali hanno ritirato il parare positivo sul sito e si è bloccato tutto. Noi avremmo anche cercato un altro sito ma la ditta ha fatto ricorso contro lo stop e la situazione si è paralizzata».

 

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

Scopri di più nell’edizione digitale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati