PARTECIPATE

Finanziaria, niente tetto per gli stipendi dei dirigenti

di
enti, finanziaria, partecipate, stiipendi, Sicilia, Politica

PALERMO. Bocciata con voto segreto una norma su cui sembrava esserci un accordo. Invece è servito una una retromarcia del Parlamento per salvare gli stipendi dei dirigenti di enti regionali e partecipate.

La norma prevedeva inizialmente che lo stipendio dei dirigenti amministrativi di enti regionali e partecipate venisse ridotto a 118 mila euro lordi all’anno. Oggi la maggior parte dei big delle partecipate incassa circa 160 mila euro lordi. Ma ci sono enti regionali in cui arriva a 240 mila euro annui.

Per questo motivo in commissione Bilancio si era concordato di ridurre tutto a 118 mila euro. Tutti d’accordo fino al colpo di scena: i grillini propongono il voto segreto su un loro emendamento che abbassa ulteriormente gli stipendi, portandoli a un massimo di 79.200 euro annui. E l’aula approva con 34 voti a favore: il minimo per far passare la proposta. A quel punto, pur di non andare nella direzione imposta dai grillini, l'aula di Sala d'Ercole ha preferito bocciare l'intero articolo. Lasciando di fatto intatto lo stipendio dei dirigenti di enti e partecipate.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati