cioccolato, mars, Sicilia, Mondo
IL CASO

Tracce di plastica nei Mars: barrette ritirate in 55 Paesi, tra cui l'Italia

Il produttore americano ha richiamato le sue famose barrette di cioccolata dagli scaffali

NEW YORK. Via milioni di barrette della Mars dagli scaffali di 55 paesi al mondo. L'azienda americana con sede a McLean, in Virginia, produttrice di alcuni degli snack piu« famosi al mondo, tra cui appunto Mars, Snickers, Milky Way, Celebrations e Mini Mix, ha dovuto procedere al ritiro volontario delle sue barrette con scadenza dal 19 giugno del 2016 all'otto gennaio 2017 dopo che in Germania una consumatrice ha trovato un pezzo di plastica rossa in una barretta di Snickers acquistata lo scorso otto gennaio.

Snickers è in assoluto lo snack più venduto al mondo. Dopo aver presentato ufficialmente una lamentela all'azienda americana che le produce, è stato scoperto che il pezzo di plastica veniva da una pellicola protettiva usata durante il processo di lavorazione in una delle sue fabbriche in Olanda, nello specifico a Veghel. Secondo un comunicato stampa della Mars pubblicato sul sito dell'autorità per la sicurezza alimentare in Olanda, la plastica ritrovata nel prodotto può portare al soffocamento.

Il ritiro ha interessato pure l'Italia, anche se al momento l'azienda non ha fornito ancora l'elenco di tutti i paesi coinvolti. La Mars Italia ha fatto sapere che le barrette interessate sono Mars e Snickers e solo quelle prodotte in Olanda. Ha invitato quindi i consumatori a non acquistarli o consumarli. Il ritiro, invece, non riguarda gli Stati Uniti.

«Per quanto ne sappiamo - ha detto Eline Bijveld - portavoce Mars per i Paesi Bassi - ci sono 55 paesi coinvolti. Al momento stiamo indagando su cio» che è realmente accaduto ma non possiamo essere sicuri che questo pezzo di plastica rossa non sia negli altri nostri prodotti della stessa linea di produzione«. Di qui la decisione del ritiro in maniera precauzionale.

"Con questo richiamo - ha spiegato la Mars in un comunicato stampa - vogliamo impedire che i nostri clienti acquistino e consumino uno dei prodotti su menzionati".

Tuttavia per la Mars, oltre ad un danno economico di milioni di dollari, si tratta anche di un danno di immagine, quantomeno a breve termine, e secondo l'analista di vendite Neil Saunders, i consumatori saranno piu» riluttanti ad acquistare i prodotti Mars finchè la storia del richiamo resta viva nelle loro menti.

È la prima volta che la Mars ha dovuto richiamare snack prodotti nella sua fabbrica di Veghel. Lo stabilimento ha aperto nel 1963 e impiega circa 1200 persone.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati