forestali, Sicilia, In Sicilia così
REGIONE

Forestali, graduatorie sbloccate
Aumenteranno le giornate di lavoro

di
Il governo ha annunciato la revoca del blocco del turn over inserito in Finanziaria, che avrebbe consentito un risparmio di circa 5 milioni ma avrebbe eliminato le progressioni di carriera

PALERMO. Sono bastati i primi venti di protesta per far ammorbidire la linea del governo sui forestali: si è così sbloccato l’aggiornamento delle graduatorie, che consentirà agli operai di aumentare le giornate di lavoro, mentre sugli arretrati contrattuali ritenuti illegittimi e che gli operai dovrebbero restituire, al momento è tutto congelato.

Il governo ha anzi tagliato corto annunciando la revoca del blocco del turn over inserito in Finanziaria, che avrebbe consentito un risparmio immediato di circa 5 milioni ma che avrebbe fatto svanire il sogno dei forestali di ottenere delle progressioni di carriera.

I forestali sono divisi in quattro fasce: un migliaio sono a tempo indeterminato, poi ci sono quelli che svolgono 151 giornate l’anno, quelli che ne fanno 101 e infine il gruppo più numeroso che ne svolge 78. Ogni volta che un lavoratore viene cancellato da un bacino, viene sostituito da chi è primo in graduatoria nel bacino inferiore. E si procede a scalare. Per cui ad esempio se un dipendente a tempo indeterminato va in pensione, un precario che svolge 151 giornate l’anno viene assunto. Al suo posto subentra un lavoratore con 101 giornate e così via.

Alla fine dunque a prescindere da chi va in pensione, si libererà un posto tra chi svolge 78 giornate. Questo meccanismo sarebbe stato bloccato se approvato in Finanziaria e dunque il risparmio sulle giornate sarebbe stato maggiore.

Nel frattempo gli uffici provinciali del Lavoro avevano anticipato i tempi: considerato che per quest’anno il turn over rischiava di scomparire, avevano congelato l’aggiornamento delle graduatorie posticipandolo a dopo l’approvazione della Finanziaria.

I sindacati Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil hanno però incontrato i direttori degli uffici provinciali del Lavoro e l’assessore Gianluca Miccichè riuscendo a evitare il blocco. L’assessore ha promesso che entro il 15 febbraio le graduatorie saranno aggiornate. A questo punto ammesso che in Finanziaria venga approvato lo stop al turn over, gli effetti della riforma – che si traducono in un risparmio stimato di circa 5 milioni - slitterebbero di almeno un anno .

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati