comuni, regione, scuole, Alessandro Baccei, Sicilia, Politica
L'assessore all'Economia Alessandro Baccei
TRASFERIMENTI

Comuni, scuole e università
La Regione sblocca i finanziamenti

di

PALERMO. La Regione riapre la cassa. E sblocca tutti (o quasi) i finanziamenti arretrati a Comuni, scuole, università e gli altri settori che vivono di trasferimenti regionali. «Interi comparti che attendevano da tempo una risposta - dichiara l'assessore all’Economia Alessandro Baccei - trovano, finalmente, una boccata d'ossigeno».

Si inizierà dai Comuni, che nei giorni scorsi avevano invocato soluzioni di emergenza per far fronte alla crisi di cassa: «Nei prossimi giorni - assicura Baccei - i Comuni riceveranno il saldo della parte corrente anno 2015 (ben tre trimestralità che non erano state erogate) pari a 199 milioni. E in più, grazie all'ottimo lavoro fatto dal dipartimento delle Autonomie Locali d'intesa con la Ragioneria Generale, riceveranno la quarta trimestralità del 2015 già impegnata sul bilancio 2016 pari a oltre 85 milioni». Fondi anche alle ex Province: «I Liberi Consorzi riceveranno il saldo 2015 per circa 19 milioni. Ioltre, sia ai Comuni che ai Liberi Consorzi, erogheremo 145 milioni per le spese d'investimento a saldo 2015».

L’Economia ha sbloccato anche i finanziamenti ad altri settori della Regione: «A scuole, università e Ersu sono destinati circa 50 milioni. Al sistema dei beni culturali oltre 13 milioni, a quello della famiglia e del lavoro oltre 46 milioni di cui ben 21 milioni per le comunità alloggio e oltre 6 milioni per il buono socio sanitario. Alle Infrastrutture sono destinati oltre 215 milioni, al Territorio oltre 101 milioni, al Turismo e allo Sport oltre 27 milioni, all'Agricoltura 38 milioni, all'assessorato Energia vanno 6 milioni. E altri 100 milioni sono destinati a interventi negli altri settori».

«Siamo consapevoli - conclude Baccei - delle difficoltà nelle quali si sono venuti a trovare interi settori e comparti dell'economia siciliana, in particolare il sistema delle autonomie locali. Ma, così come ci eravamo impegnati, pur in presenza di una difficile situazione economico-finanziaria della Regione con l'avvio del nuovo anno sono stati sbloccati i pagamenti non effettuati nell'esercizio 2015 per le problematiche connesse al rispetto del vincolo del patto di stabilità. Nei prossimi giorni saranno definite inoltre le procedure di riaccertamento di altri residui da liquidare nel 2016 che consentiranno di sbloccare ulteriori risorse».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati