TAVOLO RIUNITO

Coalizione anti-Isis a Roma, Kerry: "Il mondo si aspetta sicurezza da noi"

Gentiloni ha ricordato che lo Stato islamico ha perso terreno nel 40% dell'Iraq e nel 20% della Siria ma allo stesso tempo minaccia la Libia e l'Africa sub-sahariana

coalizione anti isis, Isis, Sicilia, L'Isis, lo scettro del Califfo

ROMA. «Il mondo si aspetta sicurezza da noi e noi distruggeremo l'Isis». Lo ha detto il segretario di Stato americano John Kerry nel suo intervento allo Small Group della coalizione anti-Isis che si riunisce oggi a Roma.

Kerry ha aggiunto che oggi a Roma si discuterà di come «aumentare gli sforzi» per vincere questa guerra.

Hanno preso il via questa mattina alla Farnesina i lavori del terzo vertice della coalizione
internazionale anti-Isis in formato 'small group' co-presieduta dal ministro degli Esteri Paolo Gentiloni e dal segretario di stato americano John Kerry.

Al tavolo siedono i ministri degli Esteri di 23 paesi, europei, occidentali e della regione maggiormente impegnati nella Coalizione globale per il contrasto a Isis e l'Alto Rappresentante Ue.

Nella lotta all'Isis sono stati fatti «importanti progressi ma di fronte abbiamo un'organizzazione molto resistente e quindi non dobbiamo sottovalutarla». Lo ha detto il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, aprendo i lavori dello Small Group della coalizione anti-Isis oggi alla Farnesina.

Gentiloni ha ricordato che lo Stato islamico ha perso terreno nel 40% dell'Iraq e nel 20% della Siria ma allo stesso tempo minaccia la Libia e l'Africa sub-sahariana, quindi la coalizione deve impegnarsi per un maggiore coordinamento negli sforzi militari, economici e diplomatici.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati