italia, migranti, premier, schegen, ue, Sicilia, Politica
A VENTOTENE

Renzi: "Vogliono distruggere Schengen. Non glielo permetteremo"

ROMA. "Diciamo con grande determinazione che chi vuole distruggere Schengen vuole distruggere l'Europa e noi italiani non glielo permetteremo". Lo ha detto il premier Matteo Renzi IERI a Ventotene. "Siamo qui per dire che l'Europa non può essere solo un grigio dibattito tecnico sui vincoli ma deve tornare a essere un grande sogno".

"Arriva un momento in cui quando sei in difficoltà e c'è qualcosa che non funziona o ti sembra andare storto, senti il bisogno di tornare in un luogo protetto. Trovare rifugio a casa è proprio di chi vive momenti di difficoltà. In un momento di grande difficoltà per l'Europa abbiamo scelto di tornare a casa, nel luogo in cui tutto è iniziato. Perché spesso anche gli italiani non sono molto orgogliosi di ciò che è avvenuto qui, nel luogo dell'identità europea", ha detto Renzi. "Dobbiamo ripartire da qui", ha affermato.

"L'Europa rischia di crollare quando perde il senso della propria vocazione e diventa semplicemente un insieme di egoismi. L'Europa non ha il futuro già scritto": così il premier che aggiunge: "Perciò c'è bisogno dell'Italia non come rivendicazione ma con l'orgoglio di chi sa qual è la sua storia".

"Non stiamo facendo le bizze o semplicemente rivendicando un doveroso interesse nazionale ma cercando di riportare l'Europa a essere quello che deve essere". "L'ideale europeo non venga trascinato in polemiche da cortile e in beghe interne che fanno crescere il populismo e la demagogia", aggiunge.

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi è STATO a Ventotene per una visita a uno dei luoghi simbolo del progetto europeo. E ha portato un mazzo di fiori alla tomba di Altiero Spinelli, politico e autore del Manifesto di Ventotene, confinato sull'isola pontina dal regime fascista e del quale quest'anno ricorrono i trent'anni dalla morte.

Il premier, atterrato in elicottero accanto al cimitero di Ventotene, è accompagnato dal ministro della Cultura Dario Franceschini, dal presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ed è stato accolto dal sindaco Giuseppe Assenso.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati