Giovedì, 20 Settembre 2018
OPERAZIONE ERMES

Messina Denaro, s’indaga anche sui viaggi e su conti in Svizzera

di
Si indaga su Mimmo Scimonelli. Da accertare se le trasferte vicino alla Svizzera servissero a finanziare il superlatitante

PALERMO. Viaggiava tanto Domenico, Mimmo, Scimonelli, titolare di un supermercato a Partanna di Trapani e imprenditore del settore vinicolo. E questi viaggi hanno suscitato interesse sia nei suoi compari che, da qualche mese a qualche parte, negli investigatori.
Considerato uno stretto fiancheggiatore del superlatitante Matteo Messina Denaro, arrestato nell’operazione Ermes di due giorni fa, polizia e carabinieri stanno cercando di capire che tipo di interessi avesse nel Nord Italia. Per il momento è solo una pista investigativa, ma gli inquirenti ipotizzano che le continue trasferte a ridosso della Svizzera servissero come copertura per depositare o prelevare denaro.

Nomi e foto degli 11 arrestati nell'Operazione Ermes

 

Il destinatario finale, tanto per cambiare, sarebbe stato proprio Messina Denaro. A Scimonelli dunque farebbe capo un importante canale finanziario sul quale ci sono indagini in corso. Dei continui viaggi di Scimonellli parla anche Vito Gondola, l’anziano capomafia di Mazara del Vallo, che a proposito dell’imprenditore si lascia scappare un commento non proprio soddisfatto. «Senza che dice...domani devo partire..». Cosa significano queste parole? I giudici hanno pochi dubbi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X