auto, regole stradali, Sicilia, Società
IL VADEMECUM

In giro per l'Europa in auto? Le norme stradali a portata di app

ROMA. Paese che vai, regole stradali che trovi. Per chi si prepara a partire per le vacanze in auto verso un altro Stato europeo il consiglio è informarsi per tempo sulle principali prescrizioni del Codice della Strada locale per non incorrere involontariamente in pesanti sanzioni che possono rovinare le ferie.

Un esempio? In Italia per telefonare in macchina si può utilizzare sia il vivavoce sia l'auricolare, in Francia «l'orecchietta» non è consentita mentre in Svezia non ci sono prescrizioni specifiche. E ancora, in Italia, in Francia e in Austria in autostrada si possono mantenere i 130 km/h, in Spagna e Portogallo bisogna rimanere entro i 120 km/h ma se si mette a piovere le regole cambiano ancora. E per i neopatentati o per l'utenza professionale spesso vi sono previsioni più
restrittive.

Con l'applicazione GoingAbroad, disponibile tanto per apparecchio con sistema operativo iOS tanto per Android, è possibile informarsi con un paio di tocchi sullo schermo del cellulare o del tablet sul comportamento da tenere alla guida all'estero. Il programma, scaricabile anche dal sito dell'Unione europea, permette di valutare le norme del Codice della Strada vigenti in tutti gli Stati membri e di compararle con quelle italiane.

Oltre alle modalità di utilizzo a bordo del cellulare sono indicati i limiti di velocità, le prescrizioni relative all'utilizzo delle cinture di sicurezza, i tassi alcolemici ammessi per la guida, le norme relative agli stupefacenti ma anche indicazioni sui semafori, sull'utilizzo dei proiettori, sulle corsie preferenziali. E con i quiz dell'app ci si può divertire con gli amici sotto l'ombrellone.

Per quel che riguarda i documenti, è il caso di ricordare che all'interno dell'Unione Europea non è necessaria la patente internazionale ma basta la licenza di guida italiana. In caso di controllo, questa di regola deve essere accompagnata dalla carta di identità o dal passaporto. Per chi viaggia in moto con la patente B attenzione alle norme locali: per proseguire oltre i confini nazionali potrebbe essere indispensabile la patente A.

Tra i documenti del veicolo, infine, si verifichi la presenza della Carta Verde, in molti casi è indispensabile per la copertura assicurativa in caso di sinistro: di norma viene rilasciata gratuitamente dalla Compagnia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati