ars, regione, Lucia Borsellino, Matteo Tutino, Rosario Crocetta, Sicilia, Politica
INTERCETTAZIONE E POLEMICHE

Crocetta all’Ars: quella intercettazione non c'è, non mi dimetto

PALERMO. Rosario Crocetta interviene in Aula all’Ars. Il presidente della Regione interviene per chiarire la sua posizione coi riflettori puntati da tutta Italia all’indomani di un giorno in cui è tornato all’attacco, scatenato, in radio e sui giornali, dichiarando l’intenzione di arrivare a fine legislatura e inviando un comunicato stampa lunghissimo nel quale cita persino il drammaturgo francese Alfred Jarry, celebre autore del teatro dell’assurdo. Ma dopo il suo discorso la parola passerà all’Assemblea che dovrà discutere e prendere una decisione non solo sulla presunta intercettazione del medico Matteo Tutino che offende Lucia Borsellino.

«Ho vissuto in questi giorni i momenti più terribili della mia vita». Così il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, intervenendo in aula all'Ars, alla luce delle polemiche scatenate dalle presunte intercettazioni intercorse tra lui e il suo medico personale Matteo Tutino su Lucia Borsellino e riportate dal settimanale l'Espresso. «L'attacco al Presidente della Regione è un attacco alle Istituzioni e al popolo siciliano».  "Mi rifiuto di offrire le mie carni a famelici carnefici. Non posso dimettermi, tutti sanno che quella intercettazione non c'è. "Non mi dimetto perché non sono un irresponsabile, non lascio migliaia di lavoratori senza salario; non mi dimetto perché sono garante dello Statuto di Giuseppe Alessi e Salvatore Aldisio", due protagonisti dell'autonomia regionale". «Al mio onore non posso rinunciare». «Felice che le procure hanno smentito e riportato la verità sui fatti».

"I falsi scoop non possono decidere le sorti dei governi - ha aggiunto -. Poteri occulti minacciano la democrazia, c'è una parte della politica che non difende uomini delle istituzioni da fatti smentiti dalle Procure siciliane".

Rivolgendosi ai deputati dell'Assemblea regionale, il governatore della Sicilia Rosario Crocetta dice: "Vi invito a completare le riforme, poi voi e solo voi, senza diktat romani o di forze parallele, deciderete se mettere fine alla legislatura.  "Mi riprendo il diritto alla parola". "Al mio onore non posso rinunciare - ha detto il presidente della Regione -, sono felice che tante Procure siciliane abbiano smentito le false accuse. Il mio silenzio e le mie eventuali dimissioni interpretate come una ammissione di colpa, quindi ho deciso di riprendermi il diritto alla parola".

Per il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, dietro agli attacchi contro di lui c'è "il vero cerchio magico - ha detto davanti all'Assemblea regionale - quello degli affari che a volte collude con la massoneria e con la mafia che non è più stragista ma intarsiata nella cose della Regione".

"Non ci sto a chinare la testa ai potenti di sempre, a consegnarmi a una campagna denigratorio. Sono un uomo libero, lo sono sempre stato. Forse pago qualche ingenuità e vi chiedo perdono per questo. Non si colleghi la questione politica al falso scoop, utilizzato per fare killeraggio politico".

L’ORDINE DEI MEDICI. "Siamo preoccupati per le questioni sollevate da Lucia Borsellino quando ha deciso di dimettersi per motivi etici e morali. Vogliamo sapere cosa ci sta dietro questa denuncia e per questo abbiamo scritto al presidente della Repubblica Sergio Mattarella: è un siciliano ed è il primo garante della legalità". L'ha detto il presidente dell'Ordine dei Medici di Palermo Salvatore Amato. Amato ha spiegato che l'ex primario dell'ospedale Villa Sofia, Matteo Tutino, ai domiciliari con l'accusa di truffa e peculato, è stato sospeso d'ufficio dall'Ordine dei medici. "Abbiamo chiesto alla Procura - ha aggiunto - di avere notificati eventuali procedimenti e provvedimenti in atto e attendiamo il carteggio".

IL CODACONS. Dopo le dichiarazioni del presidente della Regione siciliana che ha pubblicamente affermato di aver pensato al suicidio dopo lo scandalo delle intercettazioni pubblicate da L'Espresso, il Codacons offre assistenza psicologica a Rosario Crocetta: "Crediamo si tratti di dichiarazioni molto serie da non sottovalutare - spiega l'associazione dei consumatori in una nota -. Il governatore di una regione deve avere il polso per fronteggiare situazioni critiche come quella vissuta da Crocetta, e non dovrebbe mai, in nessun caso, nemmeno valutare l'ipotesi di suicidio".  "Per tale motivo, se lo riterrà opportuno, mettiamo a disposizione del presidente - conclude la nota - un pool di esperti costituito da psicologi e psichiatri che da tempo collaborano con la nostra associazione e che sono pronti a fornire tutto il supporto psicologico e professionale del caso".

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati