crocetta, intercettazione, pd, raciti, Sicilia, Politica
SEGRETARIO PD

Raciti: "Credo a Lo Voi, l'intercettazione su Crocetta è falsa"

«Ritorno alle urne? Siamo in uno scenario aperto a tutte le ipotesi»

PALERMO. «Siamo in uno scenario aperto a tutte le ipotesi». Lo ha detto Fausto Raciti, segretario del Pd in Sicilia, a Radio Anch'io su Radio1, in merito all'ipotesi di ritorno alle urne in Sicilia alla luce delle polemiche esplose in seguito alla presunta intercettazione telefonica tra il governatore Rosario Crocetta ed il suo medico personale Matteo Tutino, pubblicata dall'Espresso.

«Serve riportare i piedi per terra - ha sottolineato Raciti -. Crocetta non è nè un santo nè un demone, mentre in appena 24 ore si è trovato sbalzato da demone e a santo». «La nostra - ha aggiunto - è una valutazione politica. Crocetta ha fatto della sua caratura antimafia la cifra dell'azione politica». «Abbiamo vinto con lui le elezioni con il 35 per cento, ed è questa caratura quella che è stata messa in discussione dalle parole di Manfredi Borsellino durante il suo intervento nel corso della cerimonia di commemorazione del padre davanti al Presidente della Repubblica - ha puntualizzato -. Penso che il nostro compito sia dare una valutazione politica e amministrativa sulla giunta». «La sconfitta è anche nostra - ha aggiunto Raciti -, noi abbiamo rilevato alcuni limiti di questa esperienza molto tempo fa e su questo abbiamo sempre in maniera trasparente posto i problemi al presidente della regione». «In questi giorni in Sicilia il dibattito riguarda la gestione della sanità - ha ricordato Raciti -. Quando c'è stata la scelta sulla nomina dei manager della sanità il Pd , e io per primo, ci siamo messi di traverso perchè ritenevamo che ci fossero in quella scelta molte forzature e logiche non convincenti fino in fondo, che avevano il sapore della spartizione. Oggi, le intercettazioni riportano a quel momento, in cui ci fu un aspro conflitto tra il Pd e Crocetta. Molto della responsabilità di quelle scelta è attribuibile a un circuito molto stretto, su cui Crocetta ha fatto leva, il cosiddetto 'cerchio magicò. O c'è il cerchio magico o c'è il Pd, entrambi non possono convivere».

«Il problema - ha sottolineato Raciti - non è dimettersi, farlo cadere. Il problema è come costruire una proposta politica per il futuro. Questo è un fatto che riguarda non solo noi ma anche gli alleati e il Pd nazionale, è un fatto che va letto con la giusta cautela e fermezza. Noi ci siamo posti sempre in alternativa al cerchio magico, questo è il punto vero sul conflitto». «Io - ha aggiunto Raciti -, ho difeso Crocetta da quelle intercettazioni. Prima di parlare ho aspettato, e credo al procuratore Lo Voi e non all'Espresso. Io quella intercettazione la considero falsa. Io mi affido alle parole del Procuratore Lo Voi». «L'amministrazione regionale - ha proseguito Raciti - è piuttosto ferma, emergono interferenze indebite del medico personale di Crocetta. Per noi o c'è il cerchio magico o c'è il Pd, tutte e due non possono convivere». «Noi siamo il partito su cui sui manager della sanità ci siamo opposti con atto pubblico. Sulla scelta dei manager sono stato io a intervenire in maniera critica, l'ho fatto io ma non ricordo le parole di Ferrandelli che anzi plaudiva, mentre noi ci siamo opposti con durezza e fermezza a quelle nomine», facendo riferimento al deputato regionale del Pd, Fabrizio Ferrandelli, che ieri si è dimesso in polemica con il partito.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati