rifiuti, tari, tassa, Sicilia, Economia
TASSA SUI RIFIUTI

Confesercenti: "Tari più cara, nuovo salasso per i contribuenti"

ROMA. La Tari, la tassa sui Rifiuti che ha contribuenti fino a 10 miliardi di euro, di cui 4 a carico delle sole imprese. È quanto lamenta la Confesercenti secondo cui «l'aumento - di circa il 20% sullo scorso anno e di oltre il 100% dal 2008 - è dovuto al susseguirsi di nuove tasse e poi di ritocchi verso l'alto della tariffa da parte dei comuni in tutta Italia.

Particolarmente tartassate le imprese della somministrazione e del turismo: da alberghi, ristoranti e bar arrivano complessivamente 1,2 miliardi del gettito Tari.

Tra i comuni capoluogo d'Italia è quello di Napoli dove si registra la Tari media più alta a carico delle imprese del commercio e del turismo esaminate: 5.567,89 euro, un valore l'84% superiore a quello di Milano. In seconda posizione Firenze, dove le attività dei due settori pagano in media 4.975 euro l'anno, seguita da Roma (4.902 euro). La Tari media più leggera si paga invece a L'Aquila: sono 1.473 euro l'anno, il 278% in meno rispetto a Napoli.

Dalle rilevazioni, denuncia Confesercenti, emerge una vera babele tributaria in cui, a parità di condizioni, si rilevano forti differenze da città a città non solo in merito all'importo della tassa, ma anche in merito alle esenzioni e alle agevolazioni e relativamente alla qualità del servizio e alla sostenibilità ambientale Tra le categorie di impresa, rileva l'associazione, la Tari pesa soprattutto sugli alberghi: l'esborso arriva fino agli oltre 15mila euro annuali richiesti a Napoli. L'Aquila è il comune dalla mano più leggera: solo 3.249 euro.

Elevatissimo anche il contributo richiesto a ristoranti, trattorie e pizzerie, seconda categoria più tartassata: per un'attività di 200 metri quadri, si può giungere a pagare, a Venezia, quasi 12mila euro l'anno. Oltre cinque volte l'importo di Campobasso, dove si pagano poco più di 2.400 euro. Il Comune di Venezia è il più caro anche per un bar, caffè o pasticceria. L'amministrazione ha distinto la tariffa applicata al centro storico con quella applicata alla terraferma: sono entrambe le più elevate, con rispettivamente 4.663,05 ? e 4.382,70 ? di spesa. Ad Aosta l'esborso è di circa 900 euro. Il peso dell'imposta scende considerevolmente se si considerano gli esercizi commerciali per la vendita di alimenti. In questo contesto è a Torino la Tari più cara, con un importo vicino ai 3.900 euro.

Le tariffe più basse all'Aquila (817 euro). Per i negozi d'abbigliamento Roma risulta il Comune con la Tari maggiore: si pagano oltre 2.300 euro. Un importo incommensurabile rispetto a quello pagato dai commercianti di Milano: nonostante le due città abbiano dimensioni simili, i colleghi milanesi pagano 824 euro, un terzo dei romani.

All'Aquila pagherebbero solo 400 euro.  Nemmeno le bancarelle sfuggono alla Tari, considerate dalla tassa alla stregua di un'attività fissa di tipo annuale. Se si prende in esame un banco di mercato di generi alimentari, la tariffa più alta è a Genova, dove raggiunge i 1.522 euro. La Tari più bassa, invece, si paga ad Aosta: 426 euro. Il valore massimo di spesa per la TARI per i distributori di carburanti è risultato quello del Comune di Potenza, pari a 1.957 euro, poco più dei 1875 euro pagati a Roma. Piuttosto distaccata Firenze, che chiede 1.382 euro. Il valore più basso, ancora una volta, è quello dell'Aquila, pari a circa 372euro, seguita da Campobasso (532 euro) e Aosta (600).

© Riproduzione riservata

TAG: , ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati