SCUOLA

Giannini: i docenti non boicotteranno il nuovo anno scolastico

Il ministro: "La riforma ha molto più consenso di quanto si pensi"

la buona scuola, Riforma scuola, stefania giannini, Sicilia, La politica di Renzi, Politica

ROMA. "Sono convinta che quest' anno la macchina funzionerà meglio di prima. Le condizioni ci sono tutte. C' è un impegno della macchina straordinario. La riforma è un patrimonio di opportunità che viene dato alla scuola. Poi, certo, se questo patrimonio venisse messo nel cestino, se si incrociassero le braccia e si dicesse "noi non facciamo lezione", oppure "noi non attiviamo gli stage che la legge prevede e che la legge paga", o ancora "noi non accogliamo le nuove strutture per i laboratori", allora forse ci sarebbe da farsi qualche domanda...".

E' quanto afferma al Messaggero, il ministro dell' Istruzione Stefania Giannini. Alla domanda se tema il boicottaggio dei professori, Giannini replica: "Non mi pare che ce ne siano le premesse. Girando l' Italia, ho sentito molte critiche ma anche pareri positivi, come sempre in questi casi la protesta è organizzata e molto rumorosa, mentre il consenso è individuale e silenzioso".

"Il lavoro non è finito - fa poi sapere il ministro -: i cicli di elementari e medie vanno cambiati, i contratti rinnovati". "Avremo scuole aperte più a lungo - fa quindi sapere il ministro -, classi con meno alunni e il 10% di docenti in più". Infine, il ministro osserva: "Lo stipendio di un insegnante è basso, lo sappiamo. Per ora noi gli diamo 45 euro in più".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati