papa, Paraguay, Sicilia, La chiesa di Francesco
IL VIAGGIO

Il Papa in Paraguay: "Costruire una società più umana"

"Fraternità, giustizia e pace sono parole concrete, se sono solo nominalismi, allora non servono", ha detto Bergoglio

ASUNCION. Il Papa gesuita rende omaggio all'esperienza delle "reduciones" fondate dei gesuiti in America latina tra Seicento e Settecento. E rilancia: se è stato possibile allora, perché non è possibile oggi costruire "una società più umana" in cui "tutti abbiano accesso ai beni necessari e nessuno sia escluso?". E ricordate, rimarca, che "fraternità, giustizia e pace sono parole concrete, se sono solo nominalismi, allora non servono". "Mi vengono in mente - spiega - quelli che fanno discorsi molto eloquenti, con tante parole, poi conosci la persona, capisci che per lui sono solo parole, e pensi: 'che bugiardo'".

"Giustamente il Paraguay - ha detto papa Francesco nel palazzo dello sport, che può ospitare anche 5.000 persone - è noto in tutto il mondo per essere stato la terra dove iniziarono le 'Riduzioni', una delle più interessanti esperienze di evangelizzazione e di organizzazione sociale della storia. In esse, - ha commentato - il Vangelo era l'anima e la vita di comunità dove non c'era fame, né disoccupazione, né analfabetismo né oppressione. Questa esperienza storica ci insegna che una società più umana è possibile anche oggi. Quando c'è amore per l'uomo, e volontà di servirlo, è possibile creare le condizioni affinché tutti abbiano accesso a beni necessari, senza che nessuno sia escluso. Bisogna cercare e trovare le soluzioni".

Il Papa - che ha parlato molto a braccio, e prima di intervenire ha ascoltato alcune testimonianze - ha preso le mosse dall'incitamento, anche se "ci sono cose che vano male e situazioni pesanti", a non perdere la speranza,forti del fatto che il Paraguay è un paese giovane, la cui cultura è stata costruita "tutti insieme", insieme "per il bene comune". Ha invitato i giovani a non rinunciare a sognare "cose grandi", e a dialogare con gli anziani e i nonni. Ha denunciato la mancanza di lavoro che ha "giubilato, pensionato, i giovani". Ha incitato ad affrontare i "conflitti" sempre attraverso il "dialogo", a superare le "differenze", e praticare "l'inclusione". Ha insistito su questo anche a proposito del "dialogo interreligioso". Le culture autentiche, ha detto, "non sono chiuse su se stesse". Ha apprezzato la cultura popolare: "il popolo - ha detto - ha cultura, fa cultura". Il Papa ha rinnovato il proprio invito ad "accogliere il grido dei poveri", ma non avere uno "sguardo ideologico su di loro" e ha affermato che la "creazione della ricchezza è indispensabile" per un Paese, gli economisti devono giocare un ruolo perché al centro ci sia la "persona", e non il "dio denaro". E' stato a questo punto che il Pontefice ha ricordato l'esperienza delle "reduciones" gesuitiche. Affrontando quindi i temi economici, sempre a braccio, papa Francesco ha espresso una dura condanna della corruzione. C'è stato anche un inserto a braccio sul peso dei regimi politici violenti e delle "dittature".

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati