Grecia, Sicilia, Archivio
L'INTERVISTA

Sapelli: «I soldi dei prestiti europei mai arrivati ai cittadini greci»

di

«I soldi degli aiuti non sono mai arrivati ai cittadini, ma solo alle banche». Nell' aula grigia dell' Europarlamento, la maggioranza è sembrata sorda al monito di Tsipras. A nulla è valsa l' aerea citazione di Sofocle. «Il diritto degli uomini è legge superiore», ha ammonito il primo ministro ellenico. Ma la Bce ha sprangato la porta: se non verrà trovato l' accordo entro domenica, la Grecia dovrà lasciare l' euro. Un ultimatum che Giulio Sapelli, docente di Storia economica all' università Statale di Milano, definisce come «un autentico suicidio politico della Merkel e dei suoi vassalli».

Professore, Grexit scongiurata?
«Rappresenterebbe un evento funesto dalle pesanti ricadute geopolitiche. Non sono mai state le ragioni economiche, quelle che hanno portato Atene nell' euro. Ma l' uscita della Grecia sarebbe un disastro economico per tutti, altro che rigore ed au sterity».

E le nuove proposte di Tsipras?
«Le proposte sono ragionevoli. Ma spetta all' Italia mediare, specie perché dispone della competenza e del buon senso del ministro Gentiloni. Draghi fa quello che può per arginare il furore tedesco, ma in assenza di volontà politica può incidere poco».
Bruxelles chiede a Tsipras maggiore rigore, ma il leader greco ne chiede un allentamento.

Chi ha ragione?
«I greci sono stati più che rigorosi, nel rispettare le condizioni poste dalla Troika. Il risultato è nei numeri: il Pil è crollato del 25 per cento.
Non c' è bisogno di aggiungere altro, mi pare».

Il leader greco ha sostenuto che gli aiuti europei sono tutti finiti alle banche. Un' analisi condi visibile?
«È proprio così. E all' origine dique sto scempio ci sono le regole entro le quali deve muoversi la Bce. I crediti possono essere concessi agli Stati soltanto attraverso le banche, con la conseguenza che a famiglie ed imprese non arriva un euro. Ne gli Usa vige tutt' altro meccanismo, detto in gergo "helycopter money". Per usare una metafora, si lanciano denari da un elicottero, che arrivano direttamente a imprese e famiglie. Obama, in questo senso, ha aumentato i salari. Noi, invece continuiamo a tagliare. Ci scaviamo la fossa da soli, in nome di regole fallimentari».

Quale scenario finanziario si sarebbe aperto con la Grecia fuori dall' euro?
«Qualcuno pensa che se la Grecia facesse default non accadrebbe nulla. Niente di più falso. Forse ci si dimentica che i debiti oggi sono tutti collateralizzati e si appoggiano sui derivati. Per dirla in altri termini molto schietti, il debito greco è all' attivo delle banche di tutti i Paesi: un' accozzaglia di asset tossici che possono mettere in ginocchio il sistema bancario internazionale. Ormai il Pil conta poco o niente. Se la Grecia fa crac, non c' è scampo per nessuno. L' ansietà manifestata dalle Borse in questi giorni è la sirena d' allarme».

Se l' Europa sa tutto questo, perché ha scelto una linea così intransigente?
«La Germania e i Paesi baltici, forti della loro prevalenza economica, vogliono imporre ai Paesi più deboli uno stato di sudditanza. Anche se le ricette ammannite ad Atene hanno fatto scendere il Pil greco del 25 per cento, pretendono di avere ragione a dispetto delle conseguenze. Dicono di appellarsi al liberalismo, ma ne tradiscono i cardini basilari. La parola "debito" in tedesco vuol dire "colpa". Piuttosto che deflettere dall' ortodossia finanziaria, i tedeschi preferiscono darsi la morte nel bunker. Come Hitler».

Se la Grecia non è in grado di accedere ad altri prestiti, e di restituirli, allora qual è la soluzione?
«Il nodo è squisitamente politico. Occorre mettere da parte il libro mastro, e cominciare a ragionare sul valore strategico della Grecia per l' Occidente e per l' Europa. Se il Paese è entrato nell' Eurozona, ciò è accaduto in nome di questioni extra -economiche. Si è trattato di un innesto forzoso, messo in atto già a partire dal 1950 con l' ingresso della Grecia nella Nato, al culmine della guerra civile comunista titina. Un' opera di assimilazione malriuscita che l' entrata nell' euro non ha fatto altro che amplificare».

Ma perchè è così importan tela Grecia per la Ue?
«I russi vogliono da tempo indebolire il fronte Sud della Nato. Al momento sono già in corso trattative segrete che stanno interessando greci e turchi ciprioti, da un lato, e russi e cinesi, dall' altro, per costruire una base di appoggio russa a Cipro. Fuori dall' Europa, la Grecia finirebbe per diventare un avamposto strategico per Putin. La Russia avrebbe finalmente il tanto agognato punto d' accesso nel Mediterraneo. Merkel scherza con il fuoco».

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati