IL MINISTRO

Bomba al consolato italiano in Egitto, Gentiloni: "E' un attacco diretto all'Italia"

bomba, consolato italiano, egitto, esteri, Paolo Gentiloni, Sicilia, Terrore e terroristi

ROMA. La bomba esplosa davanti al consolato italiano del Cairo «è un attacco diretto all'Italia»: lo ha detto il ministro degli esteri Paolo Gentiloni.

Il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry ha chiamato Paolo Gentiloni e ha «condannato l'attacco terroristico avvenuto davanti al Consolato italiano» al Cairo. «L'Egitto farà ogni sforzo con tutti i Paesi del mondo, inclusa l'Italia, per sradicare ed eliminare il terrorismo», ha detto Shoukry, stando all'agenzia Mena.

«L'Italia non si fa intimidire»: lo afferma il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni in un tweet commentando l'esplosione di un'autobomba stamani davanti al consolato italiano al Cairo. Il ministro conferma che «non
risultano vittime italiane» e aggiunge: «Vicini alle persone colpite e al personale».

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi, segue in prima persona e puntualmente gli sviluppi dell'attentato del Cairo, in contatto con il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni e con l'ambasciata italiana al Cairo. Lo rende noto l'ufficio stampa di Palazzo Chigi. In mattinata Renzi ha avuto una conversazione telefonica con il presidente egiziano al-Sisi: «L'Italia - osserva
il premier - sa che quella contro il terrorismo è una sfida enorme che segna in profondità la storia del nostro tempo. Non lasceremo l'Egitto solo, conclude Renzi: Italia ed Egitto sono e saranno insieme nella lotta contro il terrorismo e il fanatismo».

 

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati