Atene, default, moody's, rating, Sicilia, Mondo
CRISI

Moody's taglia il rating della Grecia: "Senza il sostegno dei creditori sarà default"

Tsipras va avanti con il suo referendum invitando di nuovo i greci a votare 'no' e l'Europa congela ogni trattativa

ATENE. Tsipras va avanti con il suo referendum invitando di nuovo i greci a votare 'no' e l'Europa congela ogni trattativa. Fino a domenica cala il silenzio dei creditori, perchè ogni tentativo di raggiungere un'intesa, anche oltre l'ultimo minuto, è fallito, e ora vogliono vedere che cosa ne pensano davvero i greci. Anche la Bce si mette in modalità di attesa, rinnovando la liquidità d'emergenza (Ela) alle banche.

E intanto Moody's taglia il rating della Grecia a 'Caa3' da 'Caa2'. Rating che resta sotto osservazione per un ulteriore possibile downgrade, afferma l'agenzia in una nota, sottolineando che «senza il sostegno dei creditori ufficiali, la Grecia farà default sul debito» detenuto dai privati. Merkel ha deciso di andare a vedere fino in fondo il gioco a cui sta giocando Tsipras, convocando una consultazione rischiosa, che il premier Matteo Renzi definisce un «errore», dall'esito incerto e dalle conseguenze che nessuno è in grado di prevedere. Per questo i creditori, fino ad oggi con la mano tesa, ora si tirano indietro, senza chiudere la porta ma allontanandosi dall'arena che in questi giorni ha visto scontrarsi due mondi politici e due modi diversi di concepire l'Europa. Salvare la Grecia non è più, per ora, un problema loro: «L'Ue non è in grado di aiutare nessuno contro la sua  volontà», avverte il presidente Donald Tusk. Il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker ci ha creduto fino all'ultimo, cercando di mediare tra il Governo greco e un Eurogruppo ormai a corto di pazienza verso chi «non ha ancora un piano realistico per l'economia», come ha detto il ministro finlandese delle Finanze Alexander Stubb.

Juncker ha anche provato a raccogliere l'ultima proposta di Tsipras contenuta in una lettera arrivata a ridosso della scadenza del programma nella quale ribadiva i paletti su iva e pensioni. La Commissione, anche a programma ormai scaduto, l'avrebbe valutata e magari incorporata in un nuovo eventuale piano, cioè il terzo pacchetto di aiuti che chiede Tsipras. Ma Bruxelles non può muoversi senza l'Eurogruppo. Per avviare un negoziato su un nuovo piano di salvataggio serve prima di tutto il suo via libera, implicitamente legato al via libera dei capi di Stato e di Governo. Nonostante l'opposizione della Merkel a negoziare subito un
terzo piano, Atene probabilmente avrebbe potuto strappare almeno un'apertura o un via libera preliminare. In cambio, però, avrebbe dovuto concedere qualcosa: il ritiro del referendum o quantomeno un cambio di schieramento, spingendo i greci a votare per il 'si«. L'Europa teme la consultazione greca perchè ne vede il significato esclusivamente politico visto che, dal punto di vista tecnico, il quesito non è nemmeno corretto perchè »non è più sul tavolo«, come notava il vicepresidente della Commissione Valdis Dombrovskis. Dunque una vittoria del 'nò, sarebbe un vero e proprio rifiuto dell'Europa. Tsipras, invece, ha deciso di tirare dritto per la sua strada e in un nuovo discorso alla Nazione ha rinnovato l'invito a un voto negativo, che »non significherebbe dire no all'Europa ma tornare a un'Europa di valori«.

Dopo il discorso del premier, le porte del dialogo si sono chiuse: »Gli aiuti alla Grecia sono sospesi dopo che Atene ha unilateralmente abbandonato il negoziato, e ora bisogna aspettare l'esito del referendum«, ha detto Merkel. »La Commissione non avrà alcun contatto con il governo di Atene prima del referendum«, ha avvertito Juncker. Anche l'Eurogruppo, impegnato su base quasi quotidiana nelle ricerca di una soluzione, congela i negoziati: »Abbiamo preso nota delle ultime proposte greche ma data la situazione politica e dato l'invito a votare 'nò del governo greco al referendum, non vediamo terreno per altre discussioni«, ha quindi chiuso il presidente Jeroen Dijsselbloem, annunciando la sospensione di tutte le consultazioni tra le istituzioni. Intanto in serata si è parlato di Grecia anche in una
conversazione telefonica tra il premier Matteo Renzi e il presidente americano Barack Obama. Al centro del colloquio la lotta al terrorismo, la Libia e la situazione internazionale con particolare riguardo all'Europa e alla Grecia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati