INTERROGATORI IN CORSO

A Pozzallo il migrante ucciso su un barcone: "Freddato con colpi d'arma da fuoco"

immigrazione, pozzallo, Sicilia, Ragusa, Migranti e orrori

POZZALLO. E' approdata stamane nel porto di Pozzallo la nave mercantile 'Dignity', battente bandiera panamense e con a bordo 292 migranti e il cadavere dell'uomo, originario del Gambia, che sarebbe stato ucciso in un conflitto a fuoco mentre era su un gommone nel Canale di Sicilia. Un altro connazionale della vittima, rimasto ferito, è stato trasferito ieri in elicottero prima a Lampedusa e poi nell'ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento. Lo ha confermato il capo della squadra mobile di Ragusa, Antonino Ciavola, a conclusione di una prima, sommaria ricognizione cadaverica.

E' stato lui a riferire che a sparare sarebbero stati alcuni miliziani libici a bordo di una motovedetta. Il cadavere dell'uomo, la cui presenza a bordo ieri era stata smentita, è stato sbarcato per primo e trasferito nell'obitorio del cimitero di Pozzallo, dove verrà eseguita l'autopsia. Gli uomini del gruppo interforze hanno subito avviato gli interrogatori dei migranti per ricostruire la dinamica dell'accaduto.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati