IL CASO

Uomo sulla luna, Russia chiede un'indagine sugli Stati Uniti

inchiesta, Uomo sulla luna, Sicilia, Mondo

MOSCA. Non sarà un rilancio delle teorie del complotto, forse è più una provocazione, ma sta di fatto che a Mosca c'è chi pensa che sui primi sbarchi degli americani sulla luna, tra il 1969 e il 1972, dovrebbe essere aperta un' inchiesta internazionale. Ad affermarlo è, in particolare, il portavoce del Comitato investigativo del governo russo, Vladimir Markin, in un articolo pubblicato dal quotidiano Izvestia. «Non vogliamo dire che non sono arrivati (sulla luna) e hanno semplicemente fatto un film. Ma tutti questi reperti scientifici, o forse culturali, che sono parte dell'eredità dell' umanità, e la loro scomparsa senza una traccia e una nostra perdita comune. Una indagine rivelerà ciò che è successo», ha scritto Markin nell'articolo, ripreso dal Washington Post.

Si tratta di far luce, secondo Markin, sulla cancellazione dei filmati originali dell'atterraggio sulla luna e sui luoghi in cui sono conservati circa 400 chilogrammi di rocce lunari riportate sulla terra. Anni fa la Nasa ha reso noto di aver cancellato i video originali del primo atterraggio sulla luna, assieme ad altri 200 mila filmati, per questioni di bilancio. Tuttavia, da allora ha anche restaurato altri filmati dell'atterraggio, ottenute da altre fonti, che hanno anche una qualità migliore. Quanto alle rocce lunari, sono conservate in vari musei.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati