Pezzali: i giovani di oggi? Hanno gli stessi sogni dei ragazzi anni '90

Il singolo "E' venerdì"

FIRENZE. Gli adolescenti di oggi hanno gli stessi sogni di quelli degli anni '90. Parola di uno dei più grandi 'narratori pop' di quella decade, Max Pezzali, che ha espresso questa opinione. «Dagli anni '90, quando ero giovane io, sono cambiate le condizioni, il contesto: ci son state le rivoluzioni, son caduti muri, è arrivato internet, la globalizzazione che ha imposto accelerazioni in progressione geometrica - ha detto - i ragazzi di oggi sono più insicuri del futuro rispetto a quanto lo fossimo noi, ma i loro sogni, le loro aspirazioni, le loro paure, sono gli stessi di quelli che abbiamo avuto noi. Si parla sempre delle stesse cose, come l'amore, che c'è ad ogni età. Cambia solo il contorno».

Quanto al modo in cui l'avanzare dell'età ha cambiato la sua visione delle cose, Max ha spiegato che cerca di «raccontare la mia quotidianità come ho sempre fatto. Soffro un po' di sindrome di Peter Pan, e poi questo lavoro ti rende più vicino al mondo dei giovani per il tipo di vita che hai: per me è più naturale avere un dialogo con loro che non con i miei coetanei», ha concluso.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

Correlati