farnesina, Medico libero, Ignazio Scaravilli, Sicilia, Mondo
Ignazio Scaravilli
FARNESINA

Il catanese Scaravilli torna in Italia, ma il sequestro resta un giallo

TRIPOLI. Ignazio Scaravilli è rientrato in Italia: a diversi giorni dalla notizia della sua liberazione è finito l'incubo per il medico catanese 'scomparso' in Libia a gennaio. Secondo quanto annunciato all'ANSA da un portavoce dell'autoproclamato governo di Tripoli, Jamal Zubia, il connazionale ha lasciato l'aeroporto della città diretto a Roma attorno alle 19.30 su "un volo speciale". Una notizia confermata subito dopo dalla Farnesina, che ha sottolineato che Scaravilli "è in buone condizioni di salute", come ha spiegato il capo dell'Unità di Crisi del ministero degli Esteri Claudio Taffuri che ha viaggiato insieme a lui.

Ma se dopo sei lunghi mesi la vicenda ha avuto una conclusione positiva sono ancora molte le ombre attorno ad una 'sparizione' di cui ancora non si comprende a pieno la natura. Dal 22 gennaio - il giorno in cui alcuni colleghi hanno segnalato la sua scomparsa dal 6 gennaio - al 9 giugno, quando la Farnesina ne ha annunciato la liberazione, le notizie sul medico catanese sono state praticamente inesistenti. Da una parte il ministero degli Esteri, nella volontà di mantenere il consueto riserbo attorno a questi casi, ha continuato a usare la formula "irreperibile". Dall'altra i media hanno ipotizzato il rapimento da parte di un gruppo radicale della galassia vicina ad Ansar-al-Sharia.

Poi sei giorni fa è arrivata la notizia della liberazione e la comunicazione da parte di fonti vicine all'Unità di Crisi della Farnesina che Scaravilli si trovava presso gli uffici delle autorità di Tripoli "per gli adempimenti di rito". Ma intanto i giorni passavano senza che la famiglia del medico catanese potesse riabbracciarlo e si moltiplicavano le ipotesi su un ritardo inusuale nella storia dei sequestri internazionali. Tra le prime formulate, quella di Andrea Purgatori, che ha scritto sull'Huffington Post che Scaravilli era finito al centro di un braccio di ferro 'diplomatico' tra Roma e Tripoli, con quest'ultima che aveva condizionato la riconsegna all'Italia del connazionale al riconoscimento del proprio governo, sostenuto dai miliziani filo-islamici di Fajr Libya.

Oggi, a poche ore dal suo rilascio, è spuntata un'altra ipotesi, direttamente dall'autoproclamato governo di Tripoli. Scaravilli non sarebbe stato affatto rapito bensì fermato e tenuto in arresto per tutto il tempo dai servizi segreti locali. "Ansar al Sharia e Isis non c'entrano", il medico "era sotto indagine e ora che l'indagine è chiusa hanno chiesto al ministero degli Esteri di chiamare gli italiani per consegnarglielo", ha riferito il portavoce Zubia riferendosi ai servizi segreti di Tripoli. "Forze di intelligence pensavano che stesse facendo chiamate sospette e così l'hanno preso per indagini", ha aggiunto Zubia, direttore del Dipartimento media stranieri del governo. "Ora che un supplemento di indagine è stato fatto, viene liberato". Sul tipo di indagini o sulle accuse a carico del medico però non c'è nessuna certezza. "Sono informazioni di intelligence, io non le conosco", si è limitato a dire il portavoce di Tripoli, aggiungendo tuttavia che "alcuni credono che abbia qualche connessione o contatto con la mafia e con trafficanti di armi". Tutte voci non verificabili comunque, sulle quali, ha tagliato corto, non ci sono "solidi indizi". La Farnesina parla invece di semplici pratiche amministrative che hanno prolungato i tempi. "Il periodo di tempo passato dopo la sua liberazione - ha spiegato Taffuri - è stato dovuto all'indagine in corso lì e ai tempi necessari per i procedimenti amministrativi. E' stata aperta un'indagine ed è stato ascoltato". Quel che è certo, ha sottolineato il capo dell'Unità di crisi, è che "è stato trattato molto bene dalle autorità di Tripoli". E anche prima, "durante la prigionia, non ha subito particolari violenze, compatibilmente con la situazione, i momenti di difficoltà come prigioniero e il peso psicologico che questo comporta". Prigionia della quale non si sa molto, se non che "sarebbe stato spostato più volte". Ora il rientro a Roma, dove Scaravilli sarà ascoltato dagli inquirenti italiani per fare luce sulla vicenda.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati