REGIONE

Rifiuti, i debiti degli Ato siciliani: la prossima settimana in arrivo i commissari in 80 Comuni

di

Per 11 mila lavoratori potrebbero scattare i licenziamenti e i sindacati hanno già annunciato lo sciopero generale

ato rifiuti, Vania Contrafatto, Sicilia, Archivio
L'assessore regionale all'Energia, Vania Contrafatto

PALERMO.  Guai in vista per ottanta Comuni siciliani. La Regione invierà la prossima settimana i commissari che avranno il compito di recuperare dai bilanci le somme per pagare i debiti con gli Ato, le società che per anni hanno gestito la raccolta dei rifiuti. E questo mentre si avvicina la data del 30 giugno, quando gli Ato cesseranno di esistere, le liquidazioni passeranno in capo all’assessorato al Bilancio e per 11 mila lavoratori potrebbero scattare i licenziamenti. Per questo i sindacati hanno già annunciato lo sciopero generale.
Insomma, il sistema dei rifiuti nell’Isola è alla resa dei conti. Gli Ato sono da anni in liquidazione e i sindaci avrebbero dovuto costituire nuovi consorzi, le Srr. In realtà agito in maniera differente: c’è chi ha dato vita alle nuove società, chi ha già affidato il servizio a ditte private e chi ha costituito società in forma singola. Tutto ciò secondo i sindacati a discapito dei vecchi operai il cui posto non sarebbe garantito con i nuovi appalti.
L’assessore Contrafatto però rassicura: «La normativa - dice - prevede che il personale in servizio al 30 dicembre 2009 possa transitare nelle Srr una volta che queste abbiano varato le piante organiche».

Scopri di più nell’edizione digitale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati