seno, tumori, Sicilia, Vita
ECCO COME

Coltivato un mini-seno, strumento per capire la crescita dei tumori

ROMA. Un mini-seno è stato coltivato in provetta. All'interno di un gel trasparente, i ricercatori guidati da Christina Scheel, dell'Helmholtz Zentrum di Monaco, sono riusciti a far sviluppare le cellule delle ghiandole mammarie in 3D, che poi si sono divise e moltiplicate così come accade naturalmente nell'organismo femminile durante la pubertà.

Descritto sulla rivista Structure, il lavoro spiega che durante tutta la vita riproduttiva della donna, la ghiandola mammaria viene costantemente rimodellata e rinnovata per garantire la produzione di latte anche dopo più gravidanze. Questo alto turnover cellulare richiede cellule con capacità rigenerativa, come le staminali. Difatti, le cellule del tumore al seno possono adottare le proprietà delle staminali per acquisire tratti aggressivi. Ma per capire quanto aggressive diventano le cellule cancerose del seno, i ricercatori hanno dovuto capire il funzionamento delle normali cellule staminali del seno, servendosi di questo mini-seno ricavato in provetta, grazie ai tessuti di una paziente.

''Abbiamo dimostrato che l'aumento della rigidità del gel - spiega Jelena Linnemann, uno dei ricercatori - porta ad una maggiore diffusione delle cellule. Un comportamento simile a quello delle cellule cancerose del seno. Ciò suggerisce che la crescita invasiva in risposta ad una rigidità fisica è un processo normale nello sviluppo della ghiandola mammaria, che viene sfruttato nella crescita del tumore''.

Si è così ottenuto un vero laboratorio vivente che aiuterà a capire come alcune forme di tumore del seno diventano particolarmente aggressive, quali processi vengono controllati a livello molecolare, e sviluppare strategie terapeutiche per fermare il tumore del seno.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati