fisco, Imu, rata, tasi, tasse, tributi, Sicilia, Economia
TASSE

Imu e Tasi, prima rata in scadenza: ecco quanto si deve pagare entro il 16 giugno

La Tasi è dovuta infatti da chiunque possieda o comunque detenga un immobile adibito ad abitazione principale; sugli altri immobili, invece, si somma all'Imu.

ROMA. Scatta l'appuntamento con le tasse sulla casa. La prima chiamata allo sportello per Tasi e Imu è fissata per il 16 giugno e riguarderà sia proprietari che inquilini. La Tasi è infatti dovuta infatti da chiunque possieda o comunque detenga un immobile adibito ad abitazione principale; sugli altri immobili, invece, si somma all'Imu. Lo Stato ha fissato le aliquote minime e massime applicabili, lasciando poi libertà alle amministrazioni comunali nel fissare sconti e agevolazioni. La base imponibile per il calcolo della Tasi è la stessa utilizzata per l'Imu: quindi bisogna rivalutare del 5% la rendita catastale e moltiplicarla per 160.

ABITAZIONE PRINCIPALE: l'aliquota minima è dello 1 per mille, quella massima invece può arrivare allo 2,5 per mille. I Comuni possono alzarla di un ulteriore 0,8 per mille, portandola al 3,3 riconoscendo però detrazioni a favore delle famiglie numerose o delle fasce più deboli della popolazione.

SECONDE CASE: Si potrà arrivare all'11,4 per mille complessivo. Su seconde case e tutti gli altri fabbricati - uffici, negozi, capannoni e così via - si pagano sia l'Imu che la Tasi.

IMMOBILI DI LUSSO: Le 73mila case accatastate nelle categorie di pregio (A/1, dimore signorili; A/8, ville e A/9, castelli) continueranno a pagare l'Imu anche sulla prima casa, con un'aliquota massima del 6 per mille. Su queste case si pagherà anche la Tasi, sempre con aliquota massima del 3,3 per mille, ma il totale di Imu e Tasi non potrà superare il 6,8 per mille.

IMMOBILI IN AFFITTO: Anche in questo caso si pagherà sia l'Imu che la Tasi con il limite massimo dell'11,4 per mille. L'Imu verrà pagata interamente dal proprietario, mentre la Tasi peserà anche sulle spalle dell'inquilino che dovrà versarne una quota compresa tra il 10% e il 30% a seconda della delibera comunale.

QUANDO SI PAGA: Le rate sono due, con scadenza il 16 giugno e il 16 dicembre. Nell'acconto che si pagherà a breve basterà versare il 50% di quanto pagato nel 2014, tenendo conto delle aliquote e delle detrazioni applicabili nel 2014. Non tutti i Comuni hanno infatti pubblicato le delibere con le nuove aliquote, avendo tempo per farlo fino al prossimo 28 ottobre. Il conguaglio in base alle novità disposte dalle amministrazioni verrà dunque effettuato con la rata di dicembre. Nei Comuni dove l'aliquota è già stata fissata (circa 1.200) si potrà pagare sia in base alla nuova delibera - eventualmente anche in un'unica soluzione -  sia in base a quella dello scorso anno, senza incorrere in errore.

COME SI PAGA: Alla Posta o in banca, con bollettino di conto corrente postale o con modello F24 (come per l'Imu).

RAVVEDIMENTO OPEROSO: Per chi non riuscirà a pagare in tempo entro il 16 di questo mese, sarà comunque possibile versare l'importo dovuto anche con qualche giorno di ritardo, pagando una minima soprattassa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati