IRAQ

Isis, a un anno dalla presa di Mosul i jihadisti trasformano una chiesa cristiana in moschea

Chiesa, iraq, jihadista, moschea, terrorismo, Sicilia, L'Isis, lo scettro del Califfo, Terrore e terroristi

ROMA. A un anno dalla conquista di Mosul, in Iraq, avvenuta tra il 9 e il 10 giugno del 2014, l'Isis ha annunciato l'imminente apertura della «moschea dei mujaheddin», ricavata dalla trasformazione della ex chiesa dedicata a Sant'Efrem, uno dei luoghi cristiani più grandi della città. Lo riferisce l'agenzia Fides citando fonti locali.

Lo scorso novembre, la Fides riferiva che la chiesa siro-ortodossa era stata «svuotata dei suoi arredi interni» con «i banchi e altre suppellettili messe in vendita nell'area antistante il luogo sacro.

Subito dopo la conquista della città, poi proclamata 'capitale' dello Stato islamico, i miliziani avevano scelto la chiesa di Sant'Efrem come sede del Consiglio di stato. «La croce che svettava sulla cupola era stata divelta», riferiva ancora Fides.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati