Atp, Roland Garros, slam, Tennis, Novak Djokovic, Stanislas Wawrinka, Sicilia, Sport
Stanislas Wawrinka
TENNIS

Sorpresa Wawrinka al Roland Garros
Djokovic, Parigi resta una maledizione

Lo svizzero svizzero vince per 3 set a 1 dopo un'intensa battaglia di più di tre ore

PARIGI. Stanislas Wawrinka ferma contro pronostico Novak Djokovic. Anche quest'anno Nole resta a mani vuote: il Roland Garros per lui è una chimera, l'unico titolo dello Slam assente nella sua bacheca (ne può contare otto). «Stan The Man» lo ha battuto in quattro set: 4-6 6-4 6-3 6-4 in tre ore e 12 minuti. Che per il 28enne serbo non sarebbe stata una passeggiata era prevedibile: nelle ultime quattro sfide a livello di Slam, Wawrinka lo aveva sempre costretto al quinto set battendolo nei quarti a Melbourne lo scorso anno. Segno che Djokovic soffre il tennis potente dello svizzero, capace di fare a fette il campo (e l'avversario) con un rovescio da favola giocato a un mano: il migliore nel circuito. Nole tuttavia ha pagato probabilmente la tensione di vedersi ad un passo dal traguardo: era il grande favorito di questa finale. Lo era perchè durante il torneo aveva travolto Nadal, ex padrone della terra rossa parigina, e battuto Murray, pur costretto al quinto set dallo scozzese dopo aver vinto i primi due a aver esagerato nel prendersi gioco dell'avversario pagando dazio.

E lo era perchè sin qui la sua era stata una stagione strepitosa: aveva vinto gli Australian Open e dominato i quattro Masters 1000 ai quali ha partecipato (Indian Wells, Miami, Monte Carlo e Roma). Manca all'appello Madrid, ma solo perchè quella settimana ha deciso di riposare. Veniva da una serie positiva di 28 vittorie consecutive, 16 nel 2015 contro un top ten (l'unica sconfitta a Dubai contro Federer lo scorso febbraio). Invece sul più bello si è sciolto e neppure contro il rivale di sempre, quel Nadal con il quale aveva perso le due precedenti finali giocate in Francia (2012 e 2014). Aveva iniziato bene il serbo: 6-4 il primo set con break su un doppio fallo di Wawrinka sul 3-3. Troppe però le palle break concesse allo svizzero nel secondo parziale: due annullate al quarto game, una al sesto e ancora una all'ottavo. Quasi ovvio capitolare sotto 5-4: 6-4 per 'Stan' e tutto da rifare. Il match è girato dalla parte dello svizzero in quel preciso momento: Nole deve aver visto un muro invalicabile davanti: altrimenti non avrebbe rotto la racchetta come tarantolato. Ha cominciato ad accorciare pericolosamente i colpi, mentre da parte sua Wawrinka lo incalzava con il rovescio incrociato aprendosi il campo e chiudendo con il diritto. Break dello svizzero al sesto game, quindi 6-3.

L'elvetico è partito male nel quarto set: sotto 3-0, ma ha recuperato il break di svantaggio al termine di uno scambio lunghissimo, che ha tenuto in apnea il pubblico del «Philippe Chatrier»: diritto in rete di Djokovic e riaggancio dello svizzero, che poi sul 3-3 ha avuto altre due palle break. Annullata la prima, sulla seconda il serbo si è salvato con una volèe di rovescio sontuosa per poi portarsi sul 4-3 con un'accelerazione vincente di rovescio. Quindi è toccato a Wawrinka annullare tre palle break di fila (4-4). Per  cercare di portare dalla sua parte l'inerzia della sfida Nole ha provato per un paio di volte il serve and volley annullando una prima palla break, ma si è arreso su un passante di rovescio pazzesco del rivale. Lo svizzero è andato a servire per il match e non ha fallito chiudendo al secondo match point (dopo aver annullato la palla del 5-5) con l'ennesimo rovescio vincente lungo linea: è lui il campione del Roland Garros. Per Wawrinka, ex svizzero di riserva cresciuto all'ombra di Roger Federer, è il secondo titolo Slam nel giro di un anno e mezzo: il primo lo aveva conquistato nel 2014 agli Australian Open battendo in finale Nadal. Per Djokovic è l'ottavo ko nelle 16 finali di major giocate: un bilancio del 50 per cento non esaltante. Solo Ivan Lendl ha fatto peggio: 8 trionfi e 11 sconfitte.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati